Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Iniziati nelle Marche i trattamenti con anticorpi monoclonali su pazienti Covid

vaccino analisi laboratorio
L'assessore regionale alla Sanità, Filippo Saltamartini, spiega che i primi beneficiari della cura sono tre persone a rischio elevato di sviluppare una forma grave di malattia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PESARO – “Oggi alle 15 sono iniziati i trattamenti a Marche Nord per i primi tre pazienti con gli anticorpi monoclonali”. Lo annuncia in una nota l’assessore alla Sanità delle Marche, Filippo Saltamartini, che spiega come i primi pazienti siano persone a rischio elevato di sviluppare una forma grave di malattia. “Si tratta di tre pazienti trapiantati di rene, la cui terapia immunosoppressiva è stata sospesa a causa della recente infezione Covid, paucisintomatici per febbre, senza necessità di ossigeno- dice Saltamartini-. Queste persone per la loro patologia di fondo e le terapie immunosoppressive, sono a rischio elevato di sviluppare una forma grave di malattia. La terapia sarà effettuata dall’equipe medico infermieristica di Medicina interna autorizzata come centro prescrittore”. Nelle Marche sono stati individuati 15 centri prescrittori. Oltre a quello di Marche Nord, due centri sono agli Ospedali riuniti di Ancona, due all’Inrca e 10 nelle Aree vaste dell’Asur (uno nell’Area vasta 1, tre nell’Area vasta 2, tre nell’Area vasta 3, uno nell’Area vasta 4 e due nell’Area vasta 5).

“Siamo pronti a partire con la terapia in tutta la regione- continua Saltamartini- con il coinvolgimento dei medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta e le Usca che partecipano nella individuazione dei soggetti candidati al trattamento che avverrà sempre in ambiente protetto”.

In parallelo Regione Marche, con l’azienda Ospedali Riuniti di Ancona e l’Asur, ha partecipato alla stesura di un importante progetto inviato all’Aifa per l’estensione dell’utilizzo degli anticorpi monoclonali attraverso uno studio farmacologico al quale partecipano società scientifiche dei medici di medicina generale, infettivologi e l’ospedale Spallanzani di Roma.

“Un ulteriore contributo- conclude Saltamartini- per la tutela della salute dei cittadini e lo sviluppo della ricerca scientifica”. Ieri sono arrivati 133 flaconi di anticorpi monoclonali (su 4mila flaconi disponibili in Italia): si tratta di anticorpi Bamlanivimab per pazienti non ospedalizzati, con patologia lieve o moderata, che rientrano nei criteri stabiliti dall’Agenzia italiana del farmaco.

LEGGI ANCHE: Covid, Ema: “Vaccino Astrazeneca è sicuro ed efficace”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»