Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Bologna meditazione e pratiche orientali per alleviare lo stress dei sanitari

ospedale sant'orsola bologna
Gli psicologi dell'Ausl hanno attivato tutti gli strumenti possibili per allentare la tensione psicologica tra le corsie: in un anno hanno eseguito 1.250 prestazioni per problematiche legate al Covid e seguito 315 professionisti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Stress, ansia, attacchi di panico, insonnia e stanchezza. Si fa sempre più pesante la condizione psicologica degli operatori sanitari di Bologna, in prima linea negli ospedali nella lotta al Covid da oltre un anno. Per combattere e alleviare questo disagio, gli psicologi dell’Ausl hanno attivato tutti gli strumenti possibili, comprese le tecniche di meditazione orientale. A spiegarlo è Gioacchino Pagliaro, direttore dell’unità operativa di psicologia ospedaliera dell’Azienda sanitaria, oggi in commissione Sanità del Comune di Bologna. Nel 2020, riferisce, il servizio ha eseguito 1.250 prestazioni “solo per problematiche legate al Covid” e seguito 315 professionisti. “Sono stati divisi in gruppi- spiega- e per ognuno sono stati organizzati corsi per la gestione dello stress”. In particolare, sono state utilizzate “pratiche bio-energetiche di meditazione orientale– afferma Pagliaro- le stesse impiegate anche a Wuhan, in Cina, per combattere lo stress e rafforzare il sistema immunitario” degli operatori sanitari impiegati a loro volta contro il Covid. “Quando ci saranno le condizioni- aggiunge- riprenderemo con queste pratiche di consapevolezza e meditazione”.

Fonte di stress nelle corsie degli ospedali sono anche i dispositivi di protezione individuale. “Vestizione e svestizione creano disagio psicologico negli operatori- conferma Pagliaro- per la lentezza delle procedure, per l’elevata sudorazione nei vestiti e soprattutto per la mancanza di contatto fisico e visivo con i pazienti”. E così, il servizio Ausl di prevenzione dello stress da lavoro correlato sta sperimentando in questi giorni nei reparti di rianimazione “un nuovo modello di cappuccio ventilato– spiega il responsabile Emiliano Bazzanpiù confortevole della vestizione classica, con una maschera molto ampia e trasparente, che permette di vedere il viso e non ha bisogno dell’utilizzo della mascherina”.

Nel corso della prima ondata, ricorda ancora Pagliaro, i principali problemi degli operatori sanitari erano legati a “stress, attacchi di panico e insonnia. Ma sentire la popolazione a supporto ha aiutato i professionisti”. Nella seconda ondata, invece, “si è aggiunta la stanchezza– spiega lo psicologo dell’Ausl di Bologna- e devo dire che gli operatori hanno dato una grande prova di professionalità e capacità di assolvere ai loro compiti. Hanno fatto miracoli e compiuto grandi sacrifici”, anche per questo “è importante che venga riconosciuta a livello nazionale questa azione preventiva data dalle pratiche di consapevolezza e meditazione, che insieme a una corretta alimentazione e all’attività motoria sviluppano il benessere psico-fisico” degli operatori sanitari, chiosa Pagliaro.

LEGGI ANCHE: Bologna, studenti cantano ‘Nel blu dipinto di blu’ nella lingua dei segni

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»