Violenza donne, i funerali di Ornella Pinto nel Duomo di Napoli

L'insegnante di 39 anni è stata uccisa con dodici coltellate dall'ex compagno nella notte tra venerdì e sabato a Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Sono da poco iniziati i funerali di Ornella Pinto, l’insegnante di 39 anni ammazzata dall’ex compagno nella notte tra venerdì e sabato a Napoli. L’omicida, Pinotto Iacomino, l’ha uccisa colpendola con dodici coltellate.
A celebrare la messa, che è in corso nel Duomo, l’arcivescovo di Napoli Mimmo Battaglia. Una corona di fiori bianchi e’ stata deposta sopra la bara di Ornella.
Alcune decine di persone sono all’interno della cattedrale, la capienza è infatti fortemente limitata per rispettare le normative anti Covid. In tanti aspettano in via Duomo la fine delle celebrazioni e l’uscita del feretro per dare un ultimo saluto a Ornella.

LEGGI ANCHE: Cardarelli di Napoli ricorda Ornella, Valente: “Femminicidio mai fulmine a ciel sereno”

LUNGO APPLAUSO ALL’USCITA DAL DUOMO DEL FERETRO

Un lungo silenzio, poi l’applauso della folla hanno accompagnato l’uscita dal Duomo di Napoli del feretro di Ornella Pinto, l’insegnante di 39 anni uccisa nella notte tra venerdì e sabato dall’ex compagno Pinotto Iacomino, oggi recluso nel carcere di Terni. La bara è stata portata a spalla dalle Forti Guerriere, attiviste di una associazione partenopea che si batte per fermare la violenza sulle donne e sensibilizzare l’opinione pubblica sull’allarme femminicidi. Ai funerali, celebrati dall’arcivescovo Mimmo Battaglia, hanno partecipato anche amiche, amici e alcuni colleghi di Ornella, insegnante al liceo artistico statale di Napoli.

“Era una ragazza timida, siamo sconvolti tutti da quello che è accaduto”, la ricorda una collega. Distrutti dal dolore i parenti della donna. “Avrete giustizia, terrena o divina”, hanno detto alcune amiche alla sorella maggiore di Ornella. La richiesta agli organi di informazione è di trattare il caso con maggiore discrezione. Al rito funebre hanno partecipato poco più di duecento persone per rispettare le norme anti contagio. In chiesa anche l’assessora del Comune di Napoli Alessandra Celemente.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»