Bonaccini ‘esclude’ i sanitari no vax: “Non possono lavorare…”

vaccino
“Non so se serva l’obbligo vaccinale per i sanitari", premette il presidente dell’Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni. E cita l'esempio degli asili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Non so se serva l’obbligo vaccinale per i sanitari, so che se uno non si vaccina non può lavorare in quel luogo lì”. Così il presidente dell’Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, interpellato a Mattino 5, sulla rete ammiraglia Mediaset, a proposito di un eventuale obbligo vaccinale anti-Covid per il personale sanitario.

In proposito, Bonaccini cita quanto fatto quattro anni fa su nidi e materne per quanto riguarda le vaccinazioni infantili. “Per primi- ricorda il presidente- tornammo all’obbligo vaccinale per la parte che ci competeva”, cioè la fascia zero-sei anni, e “abbiamo riportato dal 92 a oltre 97% i bambini vaccinati. Se non ti vaccini non puoi iscriverti all’asilo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»