Coronavirus, arriva da Napoli l’app SOS medico contro le fake news

Attraverso un'area dedicata al Covid-19 dove gli utenti possono entrare in contatto con medici qualificati che risponderanno h24 e 7 giorni su 7
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – L’applicazione SOS Medico – nata da una idea di Silvio Savoia, medico specializzato in nefrologia e medicina legale, e realizzata da Pushapp srl e JamStudio – inserisce una nuova funzione per far fronte alle numerose richieste sul coronavirus.
L’app, che Sos Medico aiuta a gestire le emergenze mediche o richiedere consulenze a specialisti qualificati, attraverso un consulto telefonico, dedica un’area al Covid-19 dove gli utenti possono entrare in contatto con medici qualificati e preparati sulla malattia che risponderanno a tutte le domande e i dubbi a riguardo, oltre eventualmente ad elargire consigli utili per aiutare a salvaguardare la salute di tutti.
“In un periodo di ansia e timori – spiega Savoia – abbiamo deciso di estendere le funzioni della nostra app per venire incontro alle richieste degli utenti fornendo loro informazioni certe, per contrastare le numerose fake news che viaggiano sui social network. In tal modo potremmo anche essere di supporto ai numeri di utilità pubblica per evitare che le linee telefoniche vengano intasate”.
A seconda del tipo di account creato, è possibile operare come ‘paziente’ o come ‘medico’: i primi avranno la possibilità di richiedere una consulenza scegliendo tra un’ampia scelta di specializzazioni; i secondi, specialisti qualificati a disposizione 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, avranno la possibilità di impostare la propria disponibilità durante la settimana per ricevere richieste di consulti da parte dei pazienti. Tramite chiamata voip si entra in contatto con il primo medico disponibile per una consulenza immediata.
L’app è scaricabile gratuitamente su App Store e Google Play, il costo delle chiamate è un costo fisso al minuto che varia soltanto in base alle fascia oraria.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»