Coronavirus, Aimo: “Limitare l’attività ambulatoriale e la chirurgia privata”

Il monito: "Anche gli asintomatici sono contagiosi, i pazienti vanno valutati preventivamente tramite screening telefonico"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – I medici oculisti italiani invitano i colleghi che svolgono attività libero professionale “a limitare, per quanto possibile, ogni tipo di attività ambulatoriale e chirurgica privata, che non abbia carattere di urgenza, al fine di tutelare se stessi, i propri collaboratori, i pazienti e la popolazione tutta e per ottemperare agli obblighi previsti dal decreto stesso che invita la cittadinanza a limitare al massimo spostamenti per motivi di non comprovata necessità”. Lo comunica l’AIMO in una nota, ribadendo la necessità “nel caso si ritenga opportuno effettuare comunque prestazioni oculistiche- prosegue- di eseguire preventivamente uno screening telefonico che valuti la presenza di febbre o di sintomatologia di affezione respiratoria e le reali necessità del paziente, e nel caso si intendesse procedere alla prestazione, di prendere tutte le precauzioni adeguate per il contenimento della diffusione della pandemia da COVID-19, anche in considerazione della possibilità che persone asintomatiche possano trasmettere l’infezione”, conclude.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»