In Colombia le Farc cedono 14mila armi alle Nazioni Unite

Si stima che si tratti di circa il 30 per cento dell'arsenale del gruppo ribelle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOGOTA’- A breve il più grande gruppo guerrigliero ribelle della Colombia, le Farc, a seguito degli accordi di pace con il governo, consegneranno circa 14.000 armi, tra corte e lunghe, agli osservatori delle Nazioni Unite.

Si stima che si tratti di circa il 30 per cento dell’arsenale del gruppo ribelle.

Purtroppo alcuni ritardi nella creazione dei “zone veredales” ossia i campi rurali dove fino ad ora quasi settemila ribelli si sono raccolti hanno rallentato la consegna ufficiale delle armi. I guerriglieri hanno cosi iniziato a raccoglierle e a registrarle singolarmente mentre le autorità governative hanno preparato un sistema di inventario.

Soddisfatto il presidente Juan Manuel Santos che ha confermato l’avviamento dell’inventario dell’arsenale che le Farc consegnera’ nelle mani della missione delle Nazioni Unite in Colombia per garantire una pace stabile.

di Silvio Mellara, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»