Sviluppo, Paparelli: “Economia regionale in ripresa, nel 2015 Pil con segno positivo”

PERUGIA - "Gli indicatori economici relativi all’anno 2015 sono
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

paparelli umbriaPERUGIA – “Gli indicatori economici relativi all’anno 2015 sono tutti convergenti nell’indicare in Umbria un’inversione di tendenza rispetto al ciclo economico del passato, con importanti segnali positivi dal punto di vista dell’occupazione, dell’export, dell’industria, del credito alle imprese e alle famiglie, del turismo“. Lo comunica il vicepresidente della Regione Umbria con delega allo Sviluppo economico, Fabio Paparelli.
L’assessore innanzi tutto precisa che ”negli anni precedenti al 2015, il dato Eurostat 2008-2014 (-6,26%) relativo al Pil regionale ai prezzi mercato, va letto ricordando che è composto di un -6,13% concentrato tra il 2008 e il 2009, mentre negli anni seguenti il calo in Umbria è stato appena dello 0,14%, fino a registrare un segno positivo dal 2012 in poi (+0,19). Nel 2015 invece – ribadisce –  tutti gli indicatori segnano una significativa ripresa che certamente si tradurrà, quando nel 2017 Eurostat pubblicherà i dati del Pil umbro 2015, in segno positivo per il Pil stesso”.
Dall’analisi dei vari settori emerge come nel corso del 2015 siano  stati raggiunti risultati importanti che consolidano i trend di rilancio dell’economia umbra con una ripresa della domanda interna a cui si è accompagnato un incremento delle esportazioni.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»