Lenzi: “Diabete è malattia dei poveri, prevalenza del 7% nelle periferie romane”

A dirlo il professore e ordinario di Endocrinologi all’Università Sapienza di Roma, interpellato dall’agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il diabete è la malattia dei poveri, perché purtroppo incide l’assunzione di cibo meno adeguato e controllato. Basti pensare che a Roma abbiamo una prevalenza della patologia del meno del 5% al centro di Roma, nelle zone cosiddette ‘di lusso’, mentre la prevalenza arriva a sfiorare il 7% nelle periferie romane”. A dirlo il professor Andrea Lenzi, ordinario di Endocrinologi all’Università Sapienza di Roma, interpellato dall’agenzia Dire a margine del Dialogue meeting web promosso dalla rivista di politica sanitaria ‘Italian Health Policy Brief‘.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Diabete, Lenzi: “Con l’aumento di casi e costi il Sistema sanitario nazionale rischia il botto”

“In realtà questo accade per molte patologie croniche- ha proseguito Lenzi- in sei o sette fermate di metro a Roma, così anche a Parigi o New York, c’è molta differenza nell’incidenza di queste malattie, compreso appunto il diabete”. Ma come si ‘arriva’ ad educare le persone a mangiare bene? “Una delle tante cose che ci ha insegnato questa pandemia- risponde il professor Lenzi alla Dire- è che c’è bisogno di fare educazione sanitaria nelle scuole, dove dovremmo anche imparare che forse è meglio mangiare un cibo un po’ più sano e fare quei famosi ’10mila passi’ al giorno per ottenere qualche risultato”.

LEGGI ANCHE: Lenzi (Sapienza): “Più tecnologia per contrastare il diabete”

Dunque bisognerebbe insegnare agli studenti a mangiare bene, in maniera tale che poi possano loro stessi trasferire quelle buone norme alimentari in famiglia. È così? “E’ tanto vero questo che alla Sapienza abbiamo appena ‘costruito’ un corso in Gastronomia- fa sapere infine Lenzi- legato sostanzialmente alla ristorazione collettiva”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»