Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Lavoro, Giorgetti ai sindacati: “Volontà di allungare blocco licenziamenti”

Così la segretaria della Fiom, Barbara Tibaldi, dopo l'incontro sulla vertenza Whirlpool
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministro dello Sviluppo Giancarlo Giorgetti “ci ha detto che da subito istituisce un tavolo con il Ministero del Lavoro per allungare il blocco dei licenziamenti, non ci ha dato garanzie ma ci ha detto che la volontà è quella di allungare il blocco dei licenziamenti”. Lo riferisce la segretaria nazionale della Fiom, Barbara Tibaldi, dopo l’incontro con il neo ministro sulla vertenza Whirlpool.

Il Mise ha intanto convocato in via Veneto, in presenza, un tavolo sulla ex Ilva per domani, venerdi’ 19 alle ore 14,30. Lo si apprende da fonti sindacali. Nella convocazione si precisa che l’incontro sara’ presieduto dal neo ministro Giancarlo Giorgetti.

GIORGETTI A SINDACATI: PRIORITA’ A VERTENZE, SE PARLO FACCIO

Il ministro dello Sviluppo Giorgetti “Ci ha detto che la prossima settimana iniziera’ a studiare e a prendere contatti e che la nostra sara’ una delle prime vertenze di cui si occupera’”. Lo riferisce la segretaria nazionale della Fiom, Barbara Tibaldi, dopo l’incontro con il neo ministro sulla vertenza Whirlpool. E poi il ministro, spiega ancora, “ci ha detto ‘ne avete passate molte, quello che vi posso garantire e’ che se parlo faccio'”. Questo, conclude la sindacalista, e’ “un impegno personale che ha voluto che vi venga trasmesso”.

FURLAN: CHIEDEREMO A GIORGETTI CALENDARIO, RISOLVERE VERTENZE

“Domani abbiamo un incontro con ministro Giorgetti sulla ex Ilva ma noi chiederemo un calendario molto chiaro su tutte le vertenze aperte, che giacciono su quel tavolo da troppo tempo”. Lo dice la leader della Cisl, Annamaria Furlan, a Rainews24 osservando che “il ministero dello sviluppo si deve seriamente dotarsi delle competenze, per risolvere qualche vertenza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»