VIDEO | Sardine, Santori: “Evento a Napoli interrotto a causa di strumentalizzazioni”

"Alcuni rappresentanti hanno occupato il palco per fare la loro propaganda elettorale", spiega il leader delle Sardine commentando la fine anticipata della manifestazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Come già successo in altre piazze, alcuni rappresentanti, non si è ben capito se Potere al popolo o altri centri sociali più crudi e puri, hanno letteralmente occupato il palco, hanno preso la scena, hanno deciso di prendere il palco delle sardine per fare la loro propaganda elettorale”. Lo sostiene Mattia Santori, leader del Movimento, che spiega così la fine anticipata dell’evento in piazza Dante a Napoli.

“C’e’ stato un grande lavoro – spiega – da parte delle Sardine di Napoli per mettere insieme le tante istanze che ci sono tra lavoratori, sigle sindacali, centri sociali, diverse vertenze. È stato un lavoro certosino per cercare di non scontentare nessuno e qualcuno ha scavalcato questa organizzazione per occupare il palco, ma devo dire che hanno avuto l’effetto opposto perchè i lavoratori che sono venuti qua a parlare della loro crisi aziendale sicuro non hanno apprezzato il gesto che questi hanno fatto perchè hanno rovinato il messaggio”.

Secondo Santori c’è qualcuno che ha voluto “strumentalizzare alcune questioni: Benetton, Erasmus, Minniti, Bonaccini” perchè “gli fa comodo”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»