Salvini: “De Luca è divertente, gli parlerei al bar”

"Costa? No ad ambientalisti da salotto", commenta così a Napoli Matteo Salvini la possibile candidatura del Ministro dell'Ambiente alle regionali per il M5s
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “De Luca mi è simpatico. Lo vedo dietro la scrivania, mi è simpatico ed è divertente, peccato che sia governatore. Sarebbe affascinante discuterci al bar o in trattoria, ma non vederlo a gestire ospedali“. Cosi’ Matteo Salvini dal palco del teatro Augusto di Napoli dove incontra militanti leghisti. “Liberiamo la Campania” è lo slogan della manifestazione.

SALVINI: “COSTA? NO AD AMBIENTALISTI DA SALOTTO”

Non commento le scelte altrui ma con il ministro Sergio Costa ho litigato più volte perchè abbiamo una visione della gestione dei rifiuti diversa. Quelli che non vogliono che i rifiuti vadano via dalle strade sono i primi nemici dell’ambiente, gli ambientalisti da salotto, i radical chic per cui non si deve toccare nulla”. Così Matteo Salvini commenta la possibile candidatura di Sergio Costa alle regionali per il Movimento 5 Stelle. “Oggi – aggiunge – i rifiuti sono un business per la camorra e i napoletani pagano tasse per avere una città sporca. Dove governa la Lega le cose funzionano”.

SALVINI: “IN CAMPANIA DOPO I DE LUCA E I DE MAGISTRIS C’È TANTO DA FARE”

Vogliamo offrire ai campani la squadra migliore per mandare a casa De Luca. Non mi interessa mettere bandierine e non faccio nomi e cognomi”, dichiara ancora Matteo Salvini a margine di un comizio a Napoli.

A chi gli chiedeva del candidato in campo per le regionali in Campania, il leader leghista risponde che “in Campania, dopo i de Magistris e i De Luca, c’e’ tanto da fare. E se c’e’ bisogno di qualche giorno in piu’…”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»