Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Amianto nel Parco del Gargano, Stea: “Bonificare subito l’area protetta”

È quanto annuncia l'assessore all'Ambiente della Regione Puglia dopo le indagini e gli arresti di sei persone accusate di aver illecitamente smaltito rifiuti nel sito protetto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Un vertice con i rappresentanti delle istituzioni, enti locali, forze dell’ordine e tecnici, affinchè al fianco delle indagini della magistratura e dei carabinieri del Noe ci si possa attivare immediatamente per la bonifica e messa in sicurezza dell’area protetta del parco del Gargano usata, da un’organizzazione che non esito a definire ecomafiosa, come discarica di rifiuti anche classificati come pericolosi”. È quanto annuncia l’assessore all’Ambiente della Regione Puglia, Gianni Stea, dopo le indagini e gli arresti compiuti dai carabinieri che hanno condotto in carcere sei persone accusate di aver illecitamente smaltito, riempiendo avvallamenti naturali del terreno, rifiuti all’interno dell’area protetta del parco nazionale del Gargano.

Si tratta – aggiunge Stea – di una bomba ecologica in una zona che ha ottenuto numerosissimi riconoscimenti internazionali. È compito fondamentale dell’assessorato che mi è stato affidato una continua attività a difesa di queste oasi naturalistiche che rappresentano patrimoni unici e dal valore straordinario per l’intera comunità pugliese, ma che purtroppo, sovente, entrano nel mirino degli ecocriminali”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»