Salone libro Torino: tema 2020 è ‘Altre forme di vita’

Dal 14 al 18 maggio la 33esima edizione. Paesi ospiti Irlanda e Canada. Annunciati primi nomi: Annie Ernaux, Edna O'Brien e Salman Rushdie
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Il tema del 33esimo Salone del libro di Torino, in programma dal 14 al 18 maggio 2020, è Altre forme di vita, un’opera di Maria Cerri che rappresenta un’esortazione a fantasticare sulla fisionomia umana negli anni a venire, a un decennio dai traguardi fissati dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. Lo ha annunciato il direttore, Nicola Lagioia, durante la prima conferenza stampa alla presenza della sindaca di Torino, Chiara Appendino, e del presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio.

Nel 2020 ci saranno due focus internazionali su Irlanda e Canada, mentre la Regione ospite sarà la Campania. Tra i primi ospiti annunciati, in attesa della seconda conferenza stampa dedicata al programma: Salman Rushdie, Annie Ernaux, Edna O’Brien, Gabrielle Filteau-Chiba, Thomas Piketty e i concerti dell’Orchestra Scarlatti Junior, di Pat Metheny e di Francesco Bianconi. Annunciate anche quattro speciali ‘Anteprime del Salone’ a marzo e aprile: arriveranno a Torino Simon Sellars (9 marzo); Ben Lerner (16 marzo); Miles Hyman (23 marzo) e Judith Schalansky (15 aprile).

All’interno del Salone quest’anno sorgerà un vero e proprio bosco realizzato in piena sostenibilità con alberi, cespugli, manti erbosi. È il Bosco degli scrittori, progetto di Aboca Edizioni in collaborazione con il Salone del Libro: uno spazio pensato per immergersi nella natura e partecipare a incontri, letture, presentazioni, dibattiti sui temi dell’ecologia e della letteratura. Inoltre, il Salone siederà al tavolo tecnico di Francoforte2023, anno in cui l’Italia sarà il Paese ospite alla Fiera di Francoforte.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»