Governo, Renzi: “Hanno fallito la spallata, mi fanno i dispettucci”

Matteo Renzi, su facebook, torna a incalzare il governo: "Invece di risponderci nel merito, inventano retroscena"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Sono mesi che cerchiamo di parlare di questioni importanti, di argomentare (insieme a migliaia di giuristi) il nostro no alla riforma Bonafede, di stimolare il Governo a far ripartire l’economia e il lavoro cominciando con lo sblocco dei cantieri. E invece di risponderci nel merito, che fanno? Inventano retroscena“. Matteo Renzi, su facebook, torna a incalzare il governo.

LEGGI ANCHE: Tanto tuonò che… non piovve: Renzi nell’angolo e tra i suoi cresce il malumore

“Parliamo di giustizia, di come garantire i diritti dei cittadini, di quanto sia cruciale – scrive- evitare l’aumento dell’Iva vedendo ciò che accade in Giappone, della crescita zero ed in Tv i talk sono pieni di gente che discute di come scio. Le stesse testate che per una settimana hanno scritto “Avanti anche senza Renzi, in Parlamento ci sono i numeri” e hanno passato le veline di Palazzo Chigi adesso che la spallata è fallita dicono: “Italia Viva destabilizza”“.

LEGGI ANCHE: La rabbia del web contro Renzi: “Incoerente, hai rotto er ca…”

Renzi osserva che “il pensiero unico nasce così. Da tanti opinionisti che ripetono senza approfondire la stessa cosa perché la verità sta antipatica. Eppure la verità è semplice. Loro possono rinunciare ai nostri voti se vogliono ma noi non possiamo rinunciare alle nostre idee. Perché questa è la bellezza della politica: le idee. Vogliono continuare con lo stillicidio di fake news e dispettucci? Facciano pure. Io non mi arrendo e continuo a stare sempre dalla stessa parte: quella dell’approfondimento, dello studio, della politica. Prenderò forse meno voti, ma non diventerò populista. Mai”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

18 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»