Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Italia fanalino di coda nel G7 per contrasto alla povertà

L'elaborazione di ActionAid su dati Eurostat del 2013 rivela che è in Italia il divario del rischio povertà a sfavore delle donne è del 2,7%
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

povertà

ROMA  – “La lotta contro la povertà è un cammino ancora in salita” secondo i responsabili dell’ONG Action Aid, che oggi ha presentato a Roma il rapporto “L’Italia e la lotta alla povertà nel mondo – Un’agenda a 360°”. Per quanto riguarda l’Aiuto Pubblico allo Sviluppo (APS), l’organizzazione spiega: “Nel 2014 l’APS dell’Italia si è fermato allo 0,19% del PNL, ben lontano dallo 0,7% concordato a livello internazionale, che avrebbe dovuto raggiungere nel 2015. Tra i Paesi OCSE, il nostro si colloca in diciottesima posizione, insieme con Giappone, Stati Uniti e Portogallo, tra i paesi del G7 è invece in ultima posizione. Il risultato è comunque migliore di quello del 2013 (0,17%), ma è stato ottenuto anche conteggiando come aiuti le risorse investite per gestire la crisi dei rifugiati sul territorio nazionale, pari a 600 milioni di euro, ovvero il 60% dell’aiuto bilaterale italiano. Questi fondi non corrispondono a reali trasferimenti verso i paesi in via di sviluppo”.

L’elaborazione di ActionAid su dati Eurostat del 2013 (ultimo anno per cui sono disponibili) rivela che è in Italia il divario del rischio povertà a sfavore delle donne è del 2,7%. “Le donne sono infatti più vulnerabili degli uomini, ma è molto difficile misurare la loro povertà perché le valutazioni statistiche avvengono a livello familiare e non individuale. Considerando solo gli aiuti bilaterali destinati ai paesi in via di sviluppo, il 32% va all’Africa, mentre l’Afghanistan resta il Paese più finanziato, seguito da Etiopia (€ 20.243.069), Mozambico (€ 15.861.953) e Territori Palestinesi (€ 12.641.867).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»