Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Amore finito tra Riccardo Scamarcio e Valeria Golino

A diffondere la notizia della separazione è Novella 2000 che cita fonti provenienti da Roma e 'molto autorevoli'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Valeria Golino

ROMA – Era seriamente candidato ad essere un amore eterno il loro, eppure, dopo 10 anni di relazione, anche Riccardo Scamarcio e Valeria Golino si sono detti addio. A diffondere la notizia della separazione è Novella 2000, che cita fonti provenienti da Roma e ‘molto autorevoli’ a riguardo.

Secondo la rivista, ‘a lasciare’ sarebbe stata Valeria Golino, ‘invaghita’ di un uomo francese il cui nome rimane ancora rigorosamente top secret. Nonostante la differenza d’età, i due attori hanno portato avanti il loro amore per dieci anni, sempre in sordina e senza ostentazione. Elementi che davano la misura di una relazione ‘vera’ e intima mai nata per attirare gli obiettivi dei fotografi e le telecamere. I due attori si sono conosciuti nel 2006, sul set del film “Texas”.

Intervistati da giornali e tv, Golino e Scamarcio hanno dato sempre l’idea di una coppia affiatata, contenta di coronare il proprio sogno d’amore con un matrimonio. E proprio di fiori d’arancio si era parlato meno di un anno fa con tanto di pubblicazioni uscite al comune di Andria. Poi il silenzio. E oggi la notizia della rottura.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»