Stragi, Bolognesi: “Boicottano la direttiva, così Renzi perde la faccia”

La 'direttiva Renzi' che declassifica i documenti coperti dal segreto di Stato "viene boicottata dalle amministrazioni. La presidenza del Consiglio si dia una mossa se vuole farla funzionare e i ministeri che fanno i furbi la smettano altrimenti si sappia che qui la faccia la perde Renzi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
P. Bolognesi
P. Bolognesi

ROMA – La ‘direttiva Renzi’ che declassifica i documenti coperti dal segreto di Stato “viene boicottata dalle amministrazioni. La presidenza del Consiglio si dia una mossa se vuole farla funzionare e i ministeri che fanno i furbi la smettano altrimenti si sappia che qui la faccia la perde Renzi”. La denuncia la fa il deputato Pd, Paolo Bolognesi, nel corso di una conferenza stampa alla Camera insieme alle associazioni delle vittime delle stragi.

Anche “il metodo tecnico di ‘versamento’ dei documenti nell’Archivio di Stato- sottolinea il presidente dell’associazione 2 agosto 1980- sembra fatto apposta per boicottare la direttiva. Abbiamo incontrato il sottosegretario De Vincenti che poi non ha più voluto riceverci e abbiamo sentito cose incredibili da parte dei ministeri. La Farnesina dice che non ha nulla sulle stragi e il Viminale e la Difesa non ci danno i dossier personali degli implicati”. Daria Bonfietti, ex parlamentare e presidente dell’associazione dei familiari delle vittime della strage di Ustica, è “delusa” e spera “con questa denuncia che le cose cambino perchè siamo stufi di raccontarcele tra noi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»