Comune di Palermo aderisce all’iniziativa di Amnesty International per liberare Zaki

Lo studente egiziano è incarcerato da quasi un anno con l'accusa di minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento a manifestazione illegale, sovversione e propaganda per il terrorismo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Un concorso internazionale di comunicazione sociale per la creazione di un poster che interpreti graficamente la richiesta di liberazione per Patrick Zaki. Questa la sintesi di una campagna di sensibilizzazione lanciata da Amnesty International a cui ha aderito anche Palermo per decisione del sindaco Leoluca Orlando. L’iniziativa nasce per supportare, sostenere e diffondere la richiesta di liberazione in favore di Patrick Zaki, lo studente egiziano del Master in Studi di genere dell’Università ‘Alma Mater’ di Bologna fermato all’aeroporto del Cairo il 7 Febbraio 2020 e incarcerato da quasi un anno con l’accusa di minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento a manifestazione illegale, sovversione, diffusione di notizie false e propaganda per il terrorismo.

LEGGI ANCHE: Rinviata a domani la sentenza sulla detenzione di Zaki

“Abbiamo sempre collaborato e sostenuto le tante iniziative di Amnesty International e degli altri attori della difesa dei diritti umani – ha affermato Orlando -. Questa come tante altre iniziative a sostegno di Patrick Zaki non poteva che avere il nostro pieno sostegno ed apprezzamento. Ci auguriamo che anche a Palermo siano in tanti ad aderire e a rispondere a questo appello per dare un segnale di vicinanza umana a Patrick e per confermare ancora una volta Palermo come città dei diritti e del diritto”.

LEGGI ANCHE: Oltre 50.000 firme per la cittadinanza italiana onoraria a Zaki

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»