Cerchi casa a Bologna? C’è la web-serie che racconta (anche) il disagio degli studenti

La serie è realizzata da 'The Crius', un gruppo di ragazzi ventenni con la passione per il cinema che hanno deciso di unirsi per raccontare la 'loro' città
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Ore passate sui gruppi Facebook o spulciando gli annunci sul giornale, numeri di telefono strappati da volontini per strada, colloquio in videochiamata, test da superare, appartamenti vecchi, sovraffollati, monolocali minuscoli con prezzi altissimi: trasferirsi a Bologna non è mai stato così difficile

Adesso, l’emergenza abitativa sotto le Due Torri ha anche la sua web serie, o meglio, è la protagonista della prima puntata de “Il fuorisede di Bolo“. La serie, realizzata da ‘The Crius‘, un gruppo di ragazzi ventenni con la passione per il cinema che hanno deciso di unirsi per raccontare la ‘loro’ città, realizzando sette episodi parodia dei principali problemi che caratterizzano il capoluogo dell’Emilia-Romagna. Il primo, interamente dedicato alle difficoltà di chi deve cercare casa a Bologna, uscirà domani pomeriggio sul canale youtube ‘The Crius’, oltre che ad essere rilanciato anche dai profili social de ‘Il Regaz di Bolo’, con cui collaborano fin dall’inizio. 

“Tutto nasce perché ci siamo resi conto che c’è un vuoto narrativo su Bologna dal punto di vista audiovisivo”, spiega Vincenzo Giannattasio, autore e protagonista della serie. Raccontare la città dal punto di vista di chi arriva ‘da fuori’ “permette di sottolineare ancora di più le varie contrapposizioni e problematiche della città”. 

Dopo l’emergenza abitativa, gli episodi, che usciranno la domenica, ogni due settimane, tratteranno altri temi caldi: le superstizioni dello studente; la festa degli studenti erasmus; il dramma delle biciclette rubate; la vita di e in piazza Verdi; i modi diversi di festeggiare il compleanno tra Nord e Sud e, infine, l’attuale ‘Non ci sono più bolognesi a Bologna’. 

Anche se il debutto ufficiale deve ancora arrivare, i ‘The Crius’ si sono già presentati al pubblico sabato scorso, in una proiezione speciale al cinema Odeon, a Bologna, facendo il tutto esaurito. In quell’occasione, gli episodi sono stati proiettati uno dietro l’altro, proprio come se fosse un film. “Non ci aspettavamo il sold out- ammette Chiara Cataldo, produttrice dei ‘The Crius’ e ‘unica donna armata di tanta pazienza’- le persone sono rimaste piacevolmente sorprese dal taglio cinematografico che hanno gli episodi, nonostante sia un contenuto in realtà destinato all’online”.

Il timore più grande? “che il pubblico non colga la nostra ironia”, continua Chiara, ma stando alle reazioni divertite del pubblico in sala, la prima prova dei ‘The Crius’ è ampiamente superata. 

Insieme a Chiara e Vincenzo, hanno lavorato al progetto anche Riccardo Sanmartini, regista e videomaker, Fabrizio Arena, fonico, Carmelo Pintagro, autore, e Giacomo Golfarelli, assistente video.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»