Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Napoli rubato l’albero di Natale dalla sede del Consiglio comunale

albero di natale
Il fatto è accaduto la scorsa notte in via Verdi. Maresca: "Molto grave e preoccupante"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Un albero di Natale posizionato nella sede del Consiglio comunale di Napoli, in via Verdi, è stato rubato la scorsa notte. A denunciarlo è il capo dell’opposizione di centrodestra Catello Maresca. “Un fatto molto grave quanto accaduto ieri sera – commenta – che ci spinge a una seria riflessione sulla mancata sicurezza all’interno di una sede istituzionale e di cui viene meno la dignità stessa del lavoro di noi consiglieri. Ma soprattutto un segnale preoccupante che potrebbe nascondere altre motivazioni”. “Questa mattina, appena abbiamo saputo del raid, ho aperto il mio intervento in seno alla commissione Polizia municipale e legalità di cui sono componente – spiega Maresca – chiedendo ai commissari di prendere posizione in maniera forte su un fatto molto grave che è accaduto probabilmente questa notte, ossia il furto dell’albero di Natale che era stato allestito nell’androne del palazzo di via Verdi”.

Un episodio dal quale, secondo il consigliere, “discendono una serie di questioni: prima di tutto la sicurezza del palazzo e dei consiglieri – prosegue l’esponente dell’opposizione – ma anche di tutti i dipendenti che vi lavorano, poiché accade che una sede istituzionale venga violata senza particolari problemi. In secondo luogo la situazione della vigilanza dell’immobile e l’idoneità del sistema di videosorveglianza. Terza ma non ultima la preoccupazione, per il futuro, della dignità del lavoro dei consiglieri e la riservatezza degli atti in un luogo che, di fatto, non sembra sicuro. Com’è possibile che dopo le 19 chiunque possa entrare in una sede istituzionale? Come hanno fatto ignoti a introdursi nella struttura senza essere visti né controllati da nessuno?”. Maresca annuncia di aver chiesto alla presidente del Consiglio comunale di Napoli Enza Amato di “predisporre una verifica delle condizioni di sicurezza della struttura e all’autorità giudiziaria un pronto intervento che individui i responsabili oltre ad eventuali motivazioni dietro questo furto, che potrebbe sia essere fine a se stesso sia un segnale preoccupante nei confronti dell’istituzione più rappresentativa dell’amministrazione qual è il Consiglio comunale”. 

DENUNCIATO IL FURTO DELL’ALBERO DI NATALE

“Il furto dell’albero di Natale avvenuto, pare, nel corso della notte, dal cortile interno del palazzo di via Verdi ci pone il tema della sicurezza dei rappresentanti istituzionali e del personale che lavora nella struttura. Raccogliendo l’allarme della commissione, la presidente del Consiglio Enza Amato, coordinandosi con l’assessore alla Legalità Antonio De Iesu, si è attivata immediatamente per denunciare il fatto alle autorità competenti“. Lo rende noto il presidente della commissione Polizia municipale e Legalità del Consiglio comunale di Napoli Pasquale Esposito, al termine di una riunione della commissione sulla questione sicurezza della sede del Consiglio. “Martedì prossimo – annuncia -, nel corso della riunione della commissione che sarà dedicata all’esame delle variazioni di bilancio proposte dalla giunta per la sicurezza urbana, faremo proposte concrete per affrontare in modo incisivo il tema della sicurezza delle sedi istituzionali, che va ovviamente inquadrato in quello più generale della città”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»