Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Eriksen dice addio all’Inter dopo il problema al cuore

eriksen
Il centrocampista danese, che ha un defibrillatore sottocutaneo dopo il malore accusato durante gli Europei, non può svolgere attività agonistica in Italia. Pronto il ritorno all'Odense
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ora è ufficiale, l’Inter e Christian Eriksen hanno trovato un accordo per la rescissione consensuale del contratto del centrocampista danese. “Anche se oggi le strade dell’Inter e di Christian si separano – si legge nel comunicato del club – resterà un legame forte e indissolubile. I momenti più belli, i gol e le vittorie, l’abbraccio dei tifosi fuori da San Siro nel celebrare lo Scudetto: tutto resterà sempre fissato nella storia nerazzurra”.

I PROBLEMI AL CUORE

Eriksen non può svolgere, almeno in Italia, attività agonistica, vista l’installazione del defibrillatore sottocutaneo e i problemi cardiaci riscontrati quest’estate, durante Danimarca-Finlandia dell’Europeo. L’Inter ha dedicato al 29enne danese anche una lettera, pubblicata sul sito ufficiale.

IL FUTURO IN DANIMARCA

Per Eriksen, arrivato all’Inter nel gennaio 2020 dopo sei stagioni e mezzo al Tottenham, è pronto il ritorno in patria, in Danimarca. Ha da poco ripreso ad allenarsi con l’Odense, nelle cui Giovanili ha già giocato prima di trasferirsi, a 16 anni, all’Ajax.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»