Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nella Valle di Cogne istituita la zona protetta per la nidificazione del gipeto

gipeto
Per la tranquillità e l'incolumità degli animali istituiti una serie di divieti. Verrà anche distribuito un "decalogo del ghiacciatore"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COGNE (AOSTA) – Nella Valle di Cogne, nel cuore del Parco nazionale del Gran Paradiso, è stata istituita una zona di protezione per la nidificazione del gipeto. Lo comunica l’ente Parco in una nota. La coppia di gipeti nidificanti a Cogne che, negli scorsi anni ha portato sei giovani all’involo, ha scelto di nuovo le pareti rocciose della Valnontey per realizzare il suo nido.

Vista la sensibilità della specie alla presenza umana, è stato deciso di istituire una zona di protezione per ridurre il disturbo nei siti di nidificazione. Nella zona di protezione è vietato l’accesso anche per le attività di osservazione ravvicinata e per foto o riprese e l’uso dei droni; vietato anche arrampicarsi sulle 10 cascate di ghiaccio che rientrano nell’area.

Il controllo del rispetto della zona di interdizione è in capo al corpo di sorveglianza del Parco, specifica la nota, che nel periodo invernale effettuerà degli appostamenti per prevenire e accertare il rispetto della norma e tranquillità della coppia. Nel frattempo, la società delle Guide alpine del Gran Paradiso e l’amministrazione comunale di Cogne proseguono la loro attività di sensibilizzazione per far comprendere l’importanza della zona di protezione ai tanti arrampicatori che frequentano la Valnontey in inverno. E’ stato predisposto un depliant informativo con un “decalogo del ghiacciatore” che verrà distribuito agli arrampicatori e comprende alcuni suggerimenti legati alla sicurezza nello svolgimento di questa pratica, oltre a buone norme per limitare il più possibile il disturbo alla fauna del Parco. 

(foto di copertina di Richard Bartz, Munich aka Makro Freak – Opera propria, CC BY-SA 2.5, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=2896370)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»