Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Donne e forze armate, Ottaviani: “Formazione con gender advisor, puntiamo sui Comandanti”

panel donne e forze armate
Lo ha dichiarato l'Ammiraglio di Divisione Giacinto Ottaviani nell'ambito del Panel della Difesa dedicato alle donne in uniforme che si è concluso oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dal 2012 presso il Reparto Personale dello Stato Maggiore della Difesa c’è una precisa articolazione sulle ‘Pari opportunità e la prospettiva di genere’ che vigila su parità e prevenzione di ogni discriminazione e coordina anche tra tutte le FFAA le diverse attività, come codici etici e di comportamento, che discendono dalle norme comunitarie”. Lo ha dichiarato l’Ammiraglio di Divisione Giacinto Ottaviani, Capo del I reparto Personale dello Stato Maggiore della Difesa che ha anche la cogestione della Presidenza del Consiglio Interforze sulla prospettiva di genere del capo di SMD, nell’ambito del Panel della Difesa dedicato alle donne in uniforme che si è concluso oggi. “Ci basiamo molto anche sulla rete dei formatori- ha chiarito l’Ammiraglio- con la figura del gender advisor, che è un ufficiale con un’esperienza almeno decennale e il gender focal point che è un sottoufficiale e svolgono consulenza per i Comandanti in teatro operativo. Vogliamo anche realizzare una terza offerta formativa anche per la truppa e il personale esecutivo. Puntiamo molto sui Comandanti”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»