Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Orso M57, Enpa e Oipa ricorrono al Consiglio di Stato

Il giovane orso da quattro mesi si trova in una gabbia del Casteller, a Trento, "sulla base di una condanna sommaria e senza fondamento"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’Ente nazionale protezione animali (Enpa) e l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) chiedono al Consiglio di Stato giustizia per M57, il giovane orso che da quattro mesi langue nella gabbia del Casteller, a Trento, sulla base di una condanna sommaria e senza fondamento: una disposizione addirittura orale impartita dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, che ha violato il dettato del Pacobace, della Direttiva 43/93 Habitat, della Convenzione di Berna, del Dpr n. 357 del 1997, per la mancanza di una vera istruttoria sullo svolgimento dei fatti e di qualunque coinvolgimento dell’Istituto scientifico nazionale di riferimento, l’Ispra. Quest’ultimo, infatti, non e’ stato mai informato, contra legem, ne’ prima, ne’ durante, ne’ dopo la cattura dell’animale. “Ci ha sempre inquietato la serie di circostanze del contatto avvenuto nella notte del 23 agosto scorso tra l’animale e il giovane carabiniere – affermano le due associazioni – “Un contatto che si e’ verificato di notte, in una zona boscata nei pressi del lago di Andalo, dunque nel pieno habitat dell’animale e in uno scenario che la stessa Provincia sconsiglia nelle sue regole di comportamento che evidentemente non sono state rispettate”. Al Consiglio di Stato chiediamo la sospensiva degli atti che hanno portato alla cattura di M57, ma non solo. Chiediamo anche che siano poste in essere immediatamente tutte le azioni utili al trasferimento dell’esemplare in un recinto piu’ grande e idoneo a garantirne il benessere, al fine di disabituarlo alla presenza umana per prepararlo alla definitiva reintroduzione in natura”.

LEGGI ANCHE: Il Tar di Trento conferma: “L’orsa Jj4 resti libera”. Enpa: “Ora fuori dalla gabbia anche gli altri”

Wwf: “L’orso M49 non può stare al Casteller”. E l’Enpa impugna ordinanza per l’altro orso

“Il 19 novembre scorso il Tar di Trento ha bocciato il nostro ricorso per la sospensiva degli atti che hanno portato alla cattura e alla reclusione a vita dell’orso M57. Il Tribunale regionale trentino, tra l’altro, ha affermato che non riveste alcun interesse la fase successiva alla cattura, vale a dire la destinazione di M57 in una struttura, quella del Casteller, che e’ assolutamente inadatta ad assicurare qualsiasi forma di minimo benessere, a lui, come gli altri orsi tutt’oggi reclusi li’. Questo nonostante le chiarissime e forti affermazioni ufficiali rese dalla delegazione di tecnici inviati proprio al Casteller dal Ministero dell’Ambiente per un sopralluogo accurato nel settembre scorso. Essi registrarono di M57 il grave stato di stress, forme di autolesionismo, con conseguenti ferite e stereotipia. Sono davvero queste le condizioni in cui la Pat intende continuare a (mal)trattare il patrimonio della preziosa fauna particolarmente protetta su cui Italia e Unione Europea hanno speso norme, scienza e finanziamenti, per assicurarne il futuro? Ancora una volta chiediamo alla Pat il coraggio di uscire dal vicolo cieco in cui ha voluto porsi, confermando la nostra piena disponibilita’ a collaborare per il futuro degli orsi trentini”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»