La casa di Lucio Dalla nel 2020 apre anche un sabato al mese

La novità è stata annunciata dalla Fondazione Dalla. Aperture straordinarie anche per la Art Week e in occasione del compleanno del cantante
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Con l’anno nuovo la casa di Lucio Dalla a Bologna aprirà alle visite al pubblico anche di sabato, una volta al mese. E’ la novità annunciata per il 2020 dalla Fondazione Dalla, che ha messo a punto il calendario delle visite, in collaborazione con Bologna Welcome, online da oggi. Anche l’anno che verrà, i tour a casa di Dalla continueranno a svolgersi tutti i venerdì, con gruppi da 35 persone accompagnate da una guida professionista, ma verrà introdotta anche l’apertura al sabato una volta al mese, per dare ai visitatori più possibilità di trovare posti disponibili.

MUSICA | Il ritorno di Lucio Dalla: ecco la discografia in vinile

L’iniziativa ‘Venerdì, ci vediamo da Lucio!’ ha registrato infatti il sold out per tutto il 2019, con una richiesta che ha superato l’offerta effettiva delle aperture. Come quest’anno, poi, anche nel 2020 saranno organizzate altre aperture straordinarie in occasione di Art Week e del compleanno di Lucio Dalla, a marzo. Nell’ultimo anno, afferma Bologna Welcome, Casa Dalla ha rappresentato “un grande elemento di novità per la città e un fortissimo attrattore per il turismo nazionale, che anche grazie a questa apertura ha avuto un significativo sviluppo, ricalcando la sempre crescente attenzione che la destinazione Bologna riscuote tra gli italiani”. Bologna Welcome ha lavorato per promuovere Casa Dalla anche all’estero.

Sul sito di ‘Lonely Planet’, ad esempio, la casa dell’artista è tra i punti di interesse ‘Top Choice’ di Bologna, mentre la rivista Forbes ha inserito la Fondazione Dalla in un itinerario alla scoperta della città, insieme ad altri luoghi iconici legati al cantautore.

A Bologna tre giorni di musica e mostre per Lucio Dalla

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»