Giancarlo Morandi (Pli) incontra Bernaudo e aderisce a Liberisti italiani

“Dobbiamo federare l’area liberale senza delegare a nessuno dei partiti presenti in Parlamento questo compito"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Dobbiamo federare l’area liberale senza delegare a nessuno dei partiti presenti in Parlamento questo compito. Il progetto di costruzione di un movimento politico liberista che sta portando avanti l’amico Andrea Bernaudo e l’associazione Sos partita Iva è assolutamente necessario e urgente in Italia, aderisco con entusiasmo a Liberisti Italiani e invito tutti i liberali a farlo”. Così Giancarlo Morandi ha motivato la sua adesione al Movimento Politico Liberisti Italiani, avvenuta ieri a Roma durante l’incontro col fondatore del nuovo Movimento e presidente di Sos partita Iva, Andrea Bernaudo. Il quale ha commentato così l’adesione: “Sono davvero felice ed orgoglioso dell’adesione del segretario del Partito Liberale Italiano e dell’amico Giancarlo Morandi. Insieme con lui e con tanti altri del mondo liberale, liberista e libertario fonderemo a Roma il 15 febbraio 2020 e continueremo a costruire il movimento che rappresenta la vera novità politica in Italia. Nessun partito infatti si è mai ispirato al liberismo economico con nettezza, nè tantomeno in Italia sono state applicate le teorie fondanti del pensiero liberista, è stato fatto l’opposto e siamo immersi nel pantano dirigista più estremo e nel capitalismo di relazione. Questa ricetta statalista ha fallito e sono tutti i fondamentali economici a confermarlo. Chi doveva imprimere in Italia una svolta in senso liberale e liberista- ha concluso Bernaudo- ha deluso nei fatti da almeno 25 anni ed il paese è in un declino inarrestabile. Dobbiamo quindi impegnarci direttmente noi liberali, liberisti e libertari”. Il Movimento Liberisti Italiani celebrerà a Roma la prima Assemblea Fondativa sabato 15 febbraio a partire dalle 14.30.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»