Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tap, “contaminate falde acquifere”: indagate 15 persone e società

ROMA - La procura di Lecce ha notificato un avviso di conclusione delle indagini a 15 persone e alla società che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La procura di Lecce ha notificato un avviso di conclusione delle indagini a 15 persone e alla società che sta realizzando il gasdotto Tap per presunti reati di natura ambientale compiuti nei cantieri in cui sono in corso i lavori che consentiranno l’arrivo in Europa del gas azero. Tra le 15 persone sottoposte a indagini ci sono Michele Mario Elia, 72enne country manager di Tap, Gabriele Paolo Lanza, 55enne project manager di Tap, la società oltre a rappresentanti delle aziende che stanno svolgendo i lavori in appalto.

Secondo quanto si legge nelle sette pagine dell’avviso, firmate dal procuratore capo di Lecce Leonardo Leone De Castris e dal sostituto Valeria Farina Valaori, nel corso dei lavori sarebbero stati compiuti reati ambientali sia in località Le paesane sia a San Foca, nel comune di Melendugno (Le), dove ci sarebbe stata un inquinamento della falda dovuto ai lavori di scavo e impermeabilizzazione per la costruzione del microtunnel.

“Gli indagati – si legge nel dispositivo della procura a pagina tre – in cooperazione tra loro nel corso della realizzazione delle opere autorizzate, cagionavano una compromissione o un deterioramento significativi e misurabili della sottostante falda acquifera, contaminandola con sostanze pericolose tra le quali nichel, manganese, arsenico, azoto nitroso e cromo esavalente la cui presenza veniva riscontrata in concentrazioni superiori alla concentrazione soglie di contaminazione”. Gli indagati hanno “facoltà, entro il termine di venti giorni di presentare documenti e memorie” o “di presentarsi per rilasciare dichiarazioni spontanee o chiedere di essere sottoposto a interrogatorio”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»