Banche, Toscana crea fondo di 200.000 euro per pagare avvocato a truffati

FIRENZE - "La Regione Toscana ha deciso di istituire un primo fondo di 200 mila euro per chi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – “La Regione Toscana ha deciso di istituire un primo fondo di 200 mila euro per chi tra i truffati delle quattro banche residente in Toscana non ha la possibilità certificata di sostenere le spese legali. È necessario, in questa faccenda, occuparsi anzitutto di chi a causa di questa non piccola tempesta bancaria ha raggiunto, nolente, la soglia della povertà. Ma d’ora innanzi bisognerà concentrare gli sforzi. Le iniziative spot e isolate sono insufficienti, per il contrasto alla povertà assoluta”. Lo scrive sull’Huffington Post il governatore della Toscana, Enrico Rossi intervenendo sul tema delle quattro banche salvate dal governo.

enrico_rossi_Sulla povertà, il “contrasto, nonostante i pur apprezzabili ma timidi tentativi del governo in finanziaria, resta una sfida aperta e una pratica inevasa- aggiunge-. Che potrà essere affrontata solo con un piano organico e centralizzato di investimenti, come chiede Alleanza contro la povertà”. Il messaggio politico per Rossi è questo: “La sinistra deve ripartire dalla vicinanza ai bisogni delle persone in sofferenza e deve riprendere a organizzare la vita delle masse popolari- sottolinea-. Ricostruire l’unità e il protagonismo dei lavoratori sfruttati e poveri e dei disoccupati deve tornare a essere la priorità del Partito democratico. Da questa scelta dipendono la tenuta del Paese e della democrazia. Il clamore e le iniziative dei risparmiatori truffati insegnano che per avere voce in capitolo bisogna organizzarsi e riscoprire la militanza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»