Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Studenti contestano ministro Giannini: “Parli con noi, non con imprenditori”

NAPOLI - A Napoli una delegazione di studenti ha contestato l’arrivo del ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, in città
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – A Napoli una delegazione di studenti ha contestato l’arrivo del ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, in città per il lancio del libro “Il Bivio, sogni e speranze dei giovani italiani in tempo di crisi” di Angelo Bruscino, imprenditore della green economy e Presidente Nazionale dei Giovani di Confapi.
Gli studenti, assiepati sotto la sede dello storico Circolo Artistico di piazza Trieste e Trento, armati di megafoni e sfottò, hanno contestato al Ministro la scelta di parlare di giovani e di istruzione con un imprenditore, seppur giovane come Bruscino, e non direttamente con loro.
I ragazzi, tutti studenti medi e universitari, sono stati arginati da un folto gruppo di poliziotti in tenuta antisommossa. In defintiva, il sit in pacifico non ha comunque destato alcuna preoccupazione di sorta per l’ordine pubblico.

angelo_bruscino“Il futuro dei nostri giovani e’ estremamente legato alla formazione che riceveranno nel nostro sistema scolastico ed universitario – afferma nel corso della presentazione l’autore del volume, Angelo Bruscino– nell’era dell’economia della conoscenza, la differenza verra’ fatta soprattutto da quanto sapremo approfondire i temi dell’innovazione e della creativita’. Per questa ragione e’ necessario che l’Italia usi tutti gli strumenti possibili nel tentativo di creare una generazione di cittadini del mondo che mantengano le loro radici e la loro capacita’ di essere uomini e donne del fare qui nello stivale”.
“Dobbiamo ritornare – conclude l’autore – ad essere importatori di giovani menti e non solo esportatoti come accaduto negli ultimi anni, questo il nostro Bivio, la nostra vera sfida”.

Il testo è sostanzialmente un’istantanea di storie, sogni e speranze dei giovani italiani che oggi vivono e si barcamenano tra numerose incertezze, tra crisi economica e sociale, tassi di disoccupazione – soprattutto giovanile – mai toccati prima e una visione del futuro che sembra piu’ nera del passato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»