I sindacati: “Cittadini, sabato non fate la spesa”. Contratti fermi da 2 anni per 30.000 toscani

FIRENZE - "Sabato non fate la spesa: la nostra battaglia è anche a tutela della qualità del servizio,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – “Sabato non fate la spesa: la nostra battaglia è anche a tutela della qualità del servizio, in un settore dove precarietà e flessibilità sono applicate in modo selvaggio”. E’ questo l’appello che Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Toscana rivolgono ai cittadini in vista di sabato 19 dicembre, quando è in programma lo sciopero nazionale indetto dai sindacati contro il mancato rinnovo dei contratti nazionali di lavoro che oltre 500.000 addetti (di cui 30.000 toscani tra terziario, distribuzione e servizi) aspettano da 24 mesi. A Milano, nell’ultimo sabato prima di natale, è prevista la manifestazione nazionale. All’iniziativa è prevista la partecipazione dei segretari confederali Cgil, Cisl e Uil Susanna Camusso, Gigi Petteni e Carmelo Barbagallo.

duomo milanoDalla Toscana sono attesi 1.500 lavoratori (dai tre sindacati sono stati già prenotati 26 pullman). “Il vano tentativo sia di Federdistribuzione che delle cooperative, attraverso comunicati ai lavoratori diramati in questi giorni, di minimizzare le pesanti richieste di riduzione del costo del lavoro presentate al tavolo negoziale non fa altro che accrescere le distanze”, hanno dichiarato i sindacati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»