Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mihajlovic cittadino onorario di Bologna: “Io tra Carducci e Wagner, incredibile”

mihajlovic
Tra le motivazioni: "In tanti hanno trovato in lui un esempio vitale, di rigore e umanità, di rinnovata fiducia e di energia verso la vita quotidiana"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “E’ davvero incredibile che il mio nome possa entrare nella lista di persone che, detto nel gergo di un allenatore, sono dei campioni”. Lo afferma l’allenatore del Bologna, Sinisa Mihajlovic, citando personalità come quelle di Giuseppe Garibaldi, Giosuè Carducci, Giuseppe Verdi, Richard Wagner e Riccardo Muti dopo aver ricevuto nella serata di oggi, a Palazzo D’Accursio, la cittadinanza onoraria del capoluogo emiliano dalle mani del sindaco Matteo Lepore.

Come noto Mihajlovic, sotto le Due torri, oltre alle sfide sportive ha dovuto affrontare anche la lotta alla leucemia e “in tanti hanno trovato in lui un esempio vitale, di rigore e umanità, di rinnovata fiducia e di energia verso la vita quotidiana“, recitano le motivazioni del conferimento della cittadinanza, voluto dal Consiglio comunale con un ordine del giorno approvato nel 2019. “Non deve sorprendere se nelle classifiche nazionali Bologna occupa sempre i primi posti tra le città con la migliore qualità della vita”, sottolinea il mister nell’aula consiliare: “Se semini bene nella vita, la raccolta è quasi sempre positiva e anche quando lo è meno la forza del sapere aiuta a gestire meglio i momenti poco belli, così è anche nel mio lavoro”. E se “il destino ha voluto che la malattia si manifestasse qui a Bologna”, continua Mihajlovic, “non deve sorprendere neanche che a Bologna ci siano anche i migliori centri di ricerca medica in Italia nel campo oncologico, come il Sant’Orsola. Sono stato fortunato in questo, è vero, ma anche Bologna lo è stata quando mi fu chiesto di salvarla dalla retrocessione”.

Dice poi l’allenatore: “Non abbiate alcuna vergogna se nella vita vi trovate a gestire un momento poco bello, vi posso assicurare che anche quello farà parte della vostra vita come tutti quelli belli vissuti fino a quel punto”. Del resto, “come dico sempre anche ai miei giocatori negli spogliatoi”, nella vita “non si vive in assenza di problemi ma nonostante i problemi”: la malattia “è il lato notturno vita, una doppia cittadinanza, leggermente più onerosa e tosta”. Mihajolovic dedica il riconoscimento alla sua famiglia, al Bologna calcio e ai bolognesi, sportivi e non: “La loro vicinanza si è fatta molto sentire e così forte che mi dava sempre la carica per affrontare le durissime giornate a cui ero sottoposto”. Sul libro dei cittadini onorari, il mister scrive poi: “Alla mia città del cuore, con tanto affetto”. E un ps: “Bolognesi gente meravigliosa che porterò sempre nel mio cuore”. La città “mi è stata vicina e mi ha adottato come un figlio”, aggiunge Mihajlovic a cerimonia finita.

Calcolando anche “tutto quello che è successo anche dal punto di vista professionale, sembra veramente una cosa quasi da film e il culmine di tutto questo è diventare cittadino onorario. Penso di essere il primo sportivo che riceve questo premio in una città così importante e potete immaginare quanto possa esserne orgoglioso“, afferma l’allenatore. “Come dico spesso, anche se poi magari qualcuno lo usa in un’altra maniera, io sono uno zingaro- aggiunge Mihajlovic- cioè mi trovo bene dappertutto, ma sicuramente Bologna per tutto quello che ha fatto per noi e quello che abbiamo fatto insieme rimarrà per sempre nel mio cuore”. E le polemiche sulle dichiarazioni fatte da Mihajlovic anni fa? “Non sono cose di nazionalismo”, taglia corto il neo cittadino: chi ha mosso critiche “si vede che non mi conosce bene, ho già spiegato mille volte e non penso di dover spiegare di nuovo”. Inutile “cercare di farmi innervosire in questa bellissima serata”, conclude Mihajlovic: “Chi vuole capire capirà e chi non vuole non capirà ma non è un problema”.

BONACCINI: “LA CITTADINANZA A MIHAJLOVIC È SCELTA GIUSTA”

Quella di conferire la cittadinanza onoraria di Bologna a Sinisa Mihajlovic è “una scelta molto giusta”, sottolinea il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, intervenendo nell’aula di Palazzo D’Accursio durante la cerimonia che si è svolta oggi per consegnare il riconoscimento all’allenatore del Bologna calcio. Per Bonaccini “non c’è bisogno di aggiungere nulla alle motivazioni” del conferimento, lette in aula dalla presidente del Consiglio, Caterina Manca, nonché alle “bellissime parole” del sindaco Matteo Lepore. Di Mihajlovic “apprezzo molto le qualità umane”, aggiunge il governatore, ricordando la “battaglia vera” condotta dal mister serbo di fronte alla leucemia. Un grazie a Mihajlovic, poi, Bonaccini lo rivolge anche “per le parole che spesso ha voluto rivolgermi, pur non conoscendoci di persona”. E non ha alcun peso se alle ultime regionali Mihajlovic si espresse a sostegno dell’avversaria di Bonaccini, la leghista Lucia Borgonzoni: “Quando succedono certe cose l’ultima cosa che conta, ci mancherebbe altro- assicura il presidente- sono le idee politiche”. Da Bonaccini, poi, un plauso alla dirigenza del Bfc: “Ha dimostrato che si può fare calcio in Italia con una capacità non solo manageriale ma anche di stile che non sempre in quel mondo si è vista”.

Per omaggiare Mihajlovic si presenta a Palazzo D’Accursio anche Gianni Morandi. L’esperienza affrontata dal mister sotto le Due torri “lo ha fatto diventare cittadino bolognese ed è un’emozione”, commenta Morandi: “Ha dimostrato di voler bene a questa città e merita secondo me questa cittadinanza“. Ma Mihajlovic resterà alla guida dei rossoblu? “Uno aspira sempre a fare dei passi avanti- sospira il tifosissimo Morandi- ma lui li sta facendo con il Bologna e quindi magari ce lo teniamo per molti anni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»