Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dazn incontra il Governo: al centro diminuzione disservizi e chiarezza verso i consumatori

foto dazn
L'azienda promette "riduzione del buffering di oltre il 50%". Giorgetti sugli abbonamenti: "Non si cambino regole in corsa"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Tutto è bene quel che finisce bene. L’incontro istituzionale tra Dazn e il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, e la Sottosegretaria Anna Ascani ha partorito rassicurazioni incrociate su un tema, la riproduzione in tv del calcio, che scatena polemiche accese dalla fine di agosto. In una nota della piattaforma, che segue quella di Giorgetti e Ascani, Dazn ha ribadito “il massimo impegno nel percorso intrapreso quando, alla fine di marzo 2021, sono stati assegnati i diritti per la trasmissione del campionato di calcio di Serie A. Impegno che, nei mesi successivi, si è concretizzato in una serie di importanti investimenti già realizzati e che saranno ulteriormente incrementati nel corso delle prossime stagioni”.

Ma soprattutto Dazn sottolinea lo sforzo di investimenti “sullo sviluppo della parte tecnologica, a beneficio dell’intero Paese, potenziando attraverso Dazn Edge le infrastrutture presenti, e, a vantaggio della qualità del servizio, ottimizzando la ricezione delle immagini. Questo lavoro che, solo per questa prima stagione, ha già visto un investimento di oltre 10 milioni di euro, sarà ulteriormente potenziato nel corso delle prossime stagioni. A riprova di ciò, è già stato annunciato che entro la fine di Novembre sarà disponibile ed entrerà in funzione il full hd, 1080P, che assicurerà una maggiore definizione delle immagini”.

Inoltre Dazn “si impegna a proseguire e accelerare lo sviluppo del Multicast, che porta ad una riduzione del buffering di oltre il 50%. Naturalmente tutto questo a beneficio del cliente e delle sue esigenze a cui Dazn è da sempre estremamente attenta”. E infine si dice “pronta a sviluppare e potenziare ulteriormente il Customer Service sia dal punto di vista tecnico che con operatori, per assicurare sempre massima reattività e attenzione alle richieste dei propri clienti”.

LEGGI ANCHE: La politica si schiera contro Dazn: “Tutelare milioni di abbonati”

Dazn torna nella bufera, social in rivolta dopo lo stop alla condivisione dell’abbonamento

GIORGETTI A DAZN: “NON CAMBIARE LE REGOLE IN CORSA”

Il ministero ha sottolineato la massima attenzione e vigilanza sulle criticità emerse in questi primi mesi. In particolare, è stata confermata la necessità di non cambiare le regole in corsa, rafforzare il customer center con l’obiettivo che sia più attento alle necessità della clientela con minore dimestichezza con strumenti tecnologici e la prosecuzione degli investimenti in rete e tecnologia per evitare disservizi agli utenti. A Dazn, inoltre, è stata chiesta una maggiore attenzione e chiarezza nelle informazioni ai consumatori. Da parte del Mise è stato espresso l’impegno, anche a nome di tutto il Governo, per rafforzare gli strumenti contro la pirateria.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»