Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Riina, Pino Maniaci: “Messina Denaro? No, il nuovo capo sarà Leoluca Bagarella”

Secondo Maniaci 'Oggi la Sicilia si è tolta un peso dallo stomaco, ma c'è sempre pericolo e la domanda di chi sarà il prossimo'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La morte di Totò Riina “è una festa nazionale“, il suo erede “è Leoluca Bagarella, non Matteo Messina Denaro“. Ne è convinto Pino Maniaci, il cronista antimafia direttore dell’emittente tv siciliana Telejato, finito anche lui sotto inchiesta con l’accusa di estorsione (il 20 novembre la prima udienza).

LEGGI ANCHE: E’ morto Totò Riina, il Capo dei Capi di Cosa Nostra

“Con il mio tg abbiamo cazzeggiato dando i numeri della cabala- ha detto- Il 17, 11, 2017, il 3 e il 37 perché dicono che è morto a quell’ora. E poi il 47 e il 20, per una bella cinquina vincente”. Maniaci si fa però più serio quando torna a parlare del futuro: “Per la mafia morto un Papa se ne fa un altro. La mafia aspettava questa dipartita per poter riunire la commissione, che non lo faceva da 24 anni, cioè da quando hanno arrestato Riina, per poter rinnovare i vertici di Cosa Nostra”.

LEGGI ANCHE: “Ne danno il lieto annuncio…” a Ercolano manifesti funebri contro il boss di Cosa Nostra

Per Maniaci “l’erede di Riina è Leoluca Bagarella, il fratello di Ninetta. E non Mattia Messina Denaro”. E ancora: “Che la mafia abbia subito duri colpi è evidente a tutti. Che la mafia sia allo sbando è sotto occhio di tutti. Ora vediamo che succede, la mafia ha subito ma non è vinta. Mafia non è morta, anche se Riina non c’è più“.

La Sicilia, continua il direttore della emittente siciliana, “è formata da 5 milioni di persone, i mafiosi sono 5mila pezzi di merda, che insieme fanno una montagna di merda come diceva Peppino Impastato. Per 5mila malavitosi, questa terra non puo’ essere sempre etichettata allo stesso modo”.

LEGGI ANCHE: Muore Riina, la figlia chiede silenzio e sui social elogiano il boss: “A tutti capita di sbagliare”

Ma in Sicilia c’è ancora un’aria “di paura, di omertà. Quando andiamo a Corleone per intervistare la gente, tutti scappano, nessuno sa niente. C’è ancora tanta paura, tanta omertà. Ci sono anche persone che alzano la testa, che cercano di uscire dall’essere soggiogati, ma ancora vale il ‘fatti i cazzi tuoi e campi in pace’. Oggi la Sicilia si è tolta un peso dallo stomaco, non c’è più questo capo carismatico, la figura che ha lacerato questa terra, ma c’è sempre pericolo e la domanda di chi sarà il prossimo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»