Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Niente più assegno per Veronica Lario, dovrà restituire 60 milioni a Berlusconi

'Non commento, preferisco non commentare in alcun modo', ha detto Berlusconi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Corte d’Appello di Milano ha deciso di annullare l’assegno di mantenimento per Veronica Lario versato dall’ex marito Silvio Berlusconi. Il motivo? Ha un tenore di vita che non la rende bisognosa di aiuti.

L’importo a cui aveva diritto ammontava a 1,4 milioni al mese. Secondo i calcoli, dovrebbe restituire quanto ottenuto dalla sentenza del 2014 che glielo attribuiva: fanno circa 60 milioni.

I SOLDI

Veronica Lario, nome d’arte di Miriam Bartolini, può contare su una liquidità di 16 milioni di euro, oltre che su gioielli del valore di decine di milioni. A questo si aggiungono “una villa a S. Chanf del valore di diversi milioni di euro, fiduciariamente intestata alla madre” e il “patrimonio immobiliare di proprietà ‘Il Poggio srl’ pari a circa 80 milioni”.  La stessa Veronica  aveva “quantificato in 104.418.000 lordi” il suo patrimonio.

“Questa vicenda con la madre dei miei tre figli mi ha sempre amareggiato ed addolorato. Ho lasciato tutto in mano ai miei avvocati e sono stato, credo, l’ultimo a saperlo, proprio venendo qui. Non commento, preferisco non commentare in alcun modo”, ha detto Berlusconi intervenendo a Porta  a Porta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»