Alla fine, tutto l’istituto Poliziano andrà a mostra “Bellezza divina”

[caption id="attachment_24823" align="alignleft" width="300"] Il manifesto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Il manifesto della mostra di Palazzo Strozzi
Il manifesto della mostra di Palazzo Strozzi

Alla fine, non solo la Matteotti, ma tutto l’Istituto Poliziano, infanzia e primaria Matteotti e secondaria Poliziano, “andrà alla mostra ‘Bellezza divina’ di Palazzo Strozzi”. E’ quanto scritto nel documento approvato dal collegio docenti dell’istituto comprensivo che, nell’atto, rispedisce al mittente le polemiche scoppiate la scorsa settimana: “Non visitare la mostra è stata una scelta didattica“.

E per rafforzare la tesi inserisce nel documento il passaggio “più significativo” del verbale dell’interclasse delle classi terze “che non lascia spazio né a dubbi, né ad ambiguità: “Per il percorso d’Arte- è riportato nell’atto- si comunica che, dopo aver effettuato la visita preliminare alla mostra di Palazzo Strozzi, gli insegnanti ritengono più attinente alla programmazione la visita al Museo del ‘900 che si presterebbe maggiormente alle attività laboratoriali già attivate nelle varie classi”. Questo si legge nel verbale, quello vero, ufficiale, approvato dall’interclasse a cui partecipano genitori e insegnanti, non un insieme di voci o appunti”. Questo, scrivono, “è quanto hanno fatto i colleghi delle classi terze, questo è quanto rivendichiamo con orgoglio“. A chi “ci ha definito “gente ignorante”, insipiente rispondiamo con la partecipazione di tutto l’Istituto Poliziano, alla Mostra della Divina Bellezza”. Se sarà possibile, inoltre, “raggiungeremo in corteo Palazzo Strozzi: per dire a tutta Firenze che la scuola Matteotti è per la libertà di apprendere e di conoscere, ed è orgogliosa di tutte le “diversità” (di provenienza, cultura, fede, opinione) che ogni mattina, al suono della campanella, la rendono una scuola viva”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»