Coronavirus, i contagi sono +915 in 24 ore. Palazzo Chigi: “False le anticipazioni sul Dpcm”

I decessi sono 47, i casi totali 10.925
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Novecentoquindici contagi da Covid 19 in più in 24 ore: i casi attuali sono 10.925 rispetto ai 10.010 di ieri. Lo riferisce il bollettino del Ministero della Salute.I morti sono stati 47, in calo rispetto ai 55 di ieri.

LEGGI ANCHE: Sondaggio Monitor Italia, disfatta Covid: per l’81% degli italiani Paese impreparato

Sono stati eseguiti 165.837 tamponi, nuovo record. Ieri erano stati 150.377. Si assiste a un nuovo aumento dei ricoveri, con le terapie intensive che aumentano di 67 nelle 24 ore, 15 più di ieri. Il totale dei ricoverati in terapia intensiva salgono a 705.

Più consistente l’aumento dei ricoveri ordinari, che crescono di 439 (ieri 382), e sono in totale 6.617.

La regione con più casi rimane stabilmente la Lombardia, con 2.664 nuovi casi positivi. A seguire Campania (1.410), Lazio (994), Piemonte (972) e Toscana (879). Nessuna regione a zero contagi, quella che fa meglio, ma comunque in netta crescita, la Basilicata con 57 nuovi casi.

Diminuisce il numero di guariti, 1.255 oggi contro i 1.908 di ieri, per un totale di 249.127.

ANTICIPAZIONI FALSE, VERITÀ IN DPCM E DOMANI CONFERENZA STAMPA CONTE

Fonti di Palazzo Chigi specificano che è iniziato ieri sera un confronto con i capidelegazione, proseguito oggi con le Regioni, gli Enti locali e anche con il Cts per ascoltare le voci dei territori e degli esperti in modo da approntare le soluzioni migliori per affrontare questa nuova ondata di contagio e tutelare nel modo più efficace gli interessi sanitari e socio-economici di tutti i cittadini.
Le uniche misure di restrizione veritiere saranno quelle contenute nel dPCM che verrà emanato non appena definito il quadro di intervento.
Le anticipazioni che si stanno rincorrendo in questi giorni e in queste ore sui mezzi di informazione sono da ritenersi fughe in avanti e ipotesi non corrispondenti a verità.

LEGGI ANCHE: Speranza: “Stretta su attività non essenziali, smart working anche fino al 75%”

L’invito del Governo agli organi di informazione è di evitare di alimentare confusione nei cittadini, in attesa di comunicazioni ufficiali che avverranno nella giornata di domani con una conferenza stampa del Presidente del Consiglio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»