Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sui treni austriaci stop al distanziamento dopo il confine con l’Italia

Il treno fa la spola tra i due Paesi: i passeggeri sono chiamati a osservare regole evidentemente diverse nello stesso convoglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il coronavirus non sparisce superato il confine tra l’Italia e l’Austria. Cambiano tuttavia le norme adottate per contrastarlo al punto che le ferrovie austriache invitano i passeggeri che dall’Austria viaggiano verso l’Italia ad alzarsi dai ‘posti vietati’ in Italia quando il treno varca il confine.

treni italia austria“In Italia questo posto deve essere lasciato libero”, recita infatti l’avviso in bella mostra in tedesco e in italiano che campeggia sui sedili del treno delle ferrovie austriache Obb che fa spola tra l’Italia e l’Austria.

La foto sta circolando sui social e denuncia la scelta della compagnia, probabilmente in osservanza delle disposizioni austriache, ma che di fatto distingue le necessarie misure di sicurezza territorialmente.

Per le ferrovie austriache quando il mezzo viaggia sul proprio territorio non serve mantenere la distanza di sicurezza, annullando quindi il distanziamento nei vagoni adottato in Italia. Eppure proprio l’Austria nei giorni scorsi ha subito una impennata dei contagi e l’intero comune di Kulch è stato messo in quarantena.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»