Giletti: “Io dopo Raggi? ci vuole poco a fare meglio”

"Avete visto in che stato è ridotta Roma? Erba da tutte le parti. Ci vuole poco a fare meglio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non parlo da candidato, ma provo angoscia a vedere Roma ridotta così. Credo sia giusto che chi fa parte di una città, di una comunità voglia impegnarsi. Quando deciderò, lo dirò. Ma ho bisogno di pensarci duemila volte”. Massimo Giletti non si nasconde più. È lui il candidato sindaco del centrodestra a Roma?  Non si lancia ma non smentisce. Chissà se è stato proprio Matteo Salvini a chiedergli di correre per il Campidoglio. “Me l’ha chiesto sua santità- scherza lui mentre s’infila nell’auto blu che lo porta via dopo aver moderato un dibattito alle Officine Farneto- per migliorare Roma c’è bisogno di un santo…”.

Sorride, ma pochi minuti prima sul palco del congresso Anpit aveva quasi rubato la scena al presidente dell’Istat Blangiardo e al ministro Boccia.

LEGGI ANCHE: Massimo Giletti in giubbotto antiproiettile dopo le minacce del boss

Tra una domanda e l’altra agli ospiti, Giletti parla di sé e di come quest’Italia governata da Cinque stelle e Pd sia “alla deriva, senza più senso di responsabilità o morale”.

Alla vigilia della probabilissima discesa in campo di Carlo Calenda nel centrosinistra, Giletti ricorda i trascorsi da “operaio” nell’azienda tessile del papà: “Gli operai non sono altro da noi- spiega alla platea di imprenditori- ma quanti imprenditori si sono tolti la vita in questi anni? Gli imprenditori devono sedersi ai tavoli, ai tavoli deve sedersi chi produce lavoro. Questi miliardi europei arriveranno davvero?”.

Poi, incalza: “Quando sento Conte dire ‘se va male non ci voterete più’, mi preoccupo molto. Se va male, va male per tutti. Abbiamo parlato tanto di banchi a rotelle e non di sanità, non siamo neanche riusciti a scaglionare gli ingressi nelle scuole. Se continuiamo a parlare di progetti sui monopattini invece di fare cose serie e strutturali, qui andiamo a casa tutti, finiremo come l’Argentina“.

Arriva Boccia, juventino come lui. Scherzano sulla cravatta del club bianconero indossata dal conduttore di La7. Anche ora, col ministro presente che parla di tamponi e terapie intensive, Giletti riesce a deviare il discorso su Roma: “Quando mi dicono ‘fai il sindaco di Roma’…ma io nemmeno di Ladispoli, perché andrei lì con un ruspa, tirerei giù tutto, perché qui c’è da tirare giù tutto. Voi siete molto bravi a mediare io non ce la farei, vi invidio. Avete visto in che stato è ridotta Roma? Erba da tutte le parti. Ci vuole poco a fare meglio”.

LA PRECISAZIONE DI GILETTI:

“Smentisco di aver mai citato il nome della Raggi e di aver detto “ci vuole poco a far meglio”. Ho troppo rispetto per il sindaco Raggi per dire cose del genere.
Non e’ il mio linguaggio e non e’ il mio stile. Mai citato il nome di Virginia Raggi durante il convegno di oggi”, ha precisato Giletti in merito a quanto scritto dalla Dire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»