Salvini in ospedale per colpa di Renzi? No, forse per i dati dell’Umbria

L'editoriale di Nico Perrone, direttore dell'Agenzia di Stampa Dire, per Direoggi | Edizione del 17 ottobre 2019
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Una fastidiosa colica ha messo ko per qualche ora il leader della Lega. Matteo Salvini si è subito ripreso e, scherzando, ha dato la colpa a Matteo Renzi. Durante il faccia a faccia a Porta a Porta, infatti, il leader di Italia Viva aveva detto di invidiare lo «stomaco d’amianto» di Salvini. Chissà, invece, se la botta non sia dovuta ai dati arrivati dall’Umbria dove si vota il prossimo 27 ottobre.

«Ho parlato con chi sta seguendo la campagna elettorale in prima linea- riferisce una fonte altolocata del M5S- mi hanno detto che il candidato del centrosinistra ha raggiunto la leghista, che il miracolo è possibile».

Ma non c’è maretta tra ‘grillini’ e Pd locali? «Rientrata, la partita è vitale e tutti hanno capito che grazie a noi il Pd è cambiato, che non potranno più fare gli errori del passato, c’è vera discontinuità».

Insomma, nella terra dei Santi, se dovesse rivelarsi vera l’indiscrezione, per il centrosinistra potrebbe esserci il miracolo. «Altro che rosari mostrati ed elenco dei Santi – scherzano nel centrosinistra- sarebbe chiaro che Dio esiste e che non è leghista».

La sconfitta per Salvini sarebbe un bel guaio, dopo la perdita del Governo e il “no” di massa alla richiesta di elezioni anticipate. Non ci credono i leghisti che già brindano alla vittoria e parlano di un distacco ampio. Per quanto riguarda il Governo Conte, il premier saluta il via libera alla manovra. Ma nella sua maggioranza Di Maio e Renzi pensano ci sia ancora da trattare per trovare l’intesa su alcuni punti. Non un bel clima.

Al contrario, sembra essersi messa in moto una dialettica che ricorda molto quanto visto nel precedente Governo. Per Carlo Calenda, intervistato dalla Dire Conte non durerà e «non sarà Renzi a farlo cadere ma il M5S appena risalirà nei sondaggi grazie alla boccata d’ossigeno che gli sta dando il Pd».

LEGGI DIREOGGI | EDIZIONE DEL 17 OTTOBRE

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»