Marocco, grazia per la cronista condannata per aborto

Il re del Marocco ha concesso la grazia ad Hajar Raissouni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il re del Marocco Mohammed VI ha concesso la grazia ad Hajar Raissouni, giornalista condannata a un anno di carcere per “aborto illegale e relazioni sessuali fuori dal matrimonio”. Lo ha reso noto un comunicato del ministero della Giustizia, precisando che insieme a lei sono stati graziati anche il fidanzato della donna e i membri del personale medico che sarebbero stati coinvolti nell’aborto.

LEGGI Arrestata per aborto: in Marocco in piazza per Hajar, giornalista dissidente

“La grazia regale si iscrive nel quadro della compassione e della clemenza riconosciuti al sovrano, e alla preoccupazione di SM il Re di preservare il futuro di due fidanzati che contavano di formare una famiglia conformemente ai precetti religiosi e alla legge, malgrado l’errore che avrebbero commesso” si legge nella nota. La decisione è arrivata all’indomani del raggiungimento delle 10mila adesioni da parte del movimento delle e dei “fuorilegge”, lanciato dalla scrittrice Leila Slimani insieme alla regista Sonia Terrab.

In 10mila si sono schierati con loro per la depenalizzazione dell’aborto e delle relazioni extra-matrimoniali, lanciando diverse petizioni e iniziative.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»