Amazzonia, e la nave-ospedale va. E fa ‘resistenza’ a Bolsonaro

La nave Abarè della ong 'Saude e Alegria' da 10 anni solca un affluente del Rio delle Amazzoni in aiuto delle popolazioni degli indios che sono isolate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – C’era una volta un piccolo naviglio. Che non voleva non voleva arrendersi. Ci sarebbe proprio da cantare la famosa canzoncina per bambini per raccontare la storia della nave-ospedale che da ormai da un decennio naviga, attraversando l’Amazzonia (solcando un affluente del Rio delle Amazzoni), e porta soccorso medico agli abitanti delle foreste, isolati e meno considerati dallo Stato brasiliano. Ad esempio, a bordo è dotata di una sala operatoria per aiutare le mamme a partorire; e anche una attrezzatura per interventi chirurgici e per curare gli occhi. Ha ridotto la mortalità del 75%.

E’ la nave-ospedale ‘Abaré’ e la sua importanza, ora che il Brasile è guidato da Jair Bolsonaro, è aumentata. Ce n’è bisogno davvero, ha spiegato qualche giorno fa a Bologna (ad un incontro promosso dai Verdi) l’attivista brasiliano Caetano Scannavino, giornalista e fondatore della Ong Saúde e Alegria. Ed è la stessa Ong a mettere ancora in acqua ‘Abarè’ e a spedirla là dove c’è bisogno; è la prova provata, dice Scannavino, di come in Brasile progetti lanciati tempo fa oggi rappresentano il modo per proteggere la foresta e gli indios in quella che si potrebbe chiamare una “resistenza amazzonica“.

LEGGI ANCHE Amazzonia, Bolsonaro rifiuta gli aiuti del G7: “Non siamo colonia”

Una continua lotta contro “il governo Bolsonaro, che spalleggia proprietari terrieri e multinazionali, e la ultraconservatrice chiesa evangelica”, dice Scannavino. Ecologia, energie rinnovabili, sanità e educazione (anche sessuale) ma anche ecoturismo e piani di sviluppo: sono tanti i programmi con cui la ong Saude e Alegria si muove per salvaguardare il ‘polmone del mondo’ e migliorare le condizioni delle popolazioni locali e gli indigeni.

LEGGI ANCHE VIDEO | Brasile, sull’Amazzonia Bolsonaro fa come Trump: ‘solo fake news’

La foresta conserva ecosistema, biodiversità, combatte erosione e inondazioni: il valore di questi ‘servizi’ per un ventennio è tra i 523 miliardi e gli 1,1 trilioni di dollari”, calcola Scannavino che pone l’accento su cosa ricevono ‘in cambio’ gli indios: “Deforestazione, violenza e discriminazione”. I benefici dell’Amazzonia “sono globali ma i costi sono locali e difficili da sostenere”, insiste parlando di una lotta impari da sostenere. La difesa della foresta e dei diritti degli indios deve vedersela infatti in primo luogo con il governo brasiliano, capitanato da Bolsonaro che, secondo l’attivista, “promuove una cultura dell’illegalità”; con il taglio delle sanzioni e una maggiore facilità di accesso alle armi da fuoco, infatti, i cercatori d’oro e i coltivatori “si sentono autorizzati” a infrangere la legge e aggredire gli indios. Poi ci si mette pure la Chiesa Evangelica, ultraconservatrice e contro i diritti civili che “guarda al nazionalismo di Trump in Usa”.

La crescita dei fedeli di questa Chiesa negli ultimi anni è stata verticale e questo permette agli evangelici di esercitare pressione e lanciarsi in “missioni” che finiscono “per decimare gli indios, colpiti da malattie e inadatti a vivere in una società moderna”, racconta Scannavino. In Brasile, poi, c’è una “guerra alle Ong e all’attivismo sociale” e Scannavino, nonostante sia un personaggio pubblico conosciuto, ha toccato con mano cosa significhi: “Ho ricevuto minacce e intimidazioni indirette, come chiamate e avvisi. L’ambiente in Brasile è polarizzato a livello politico e può accadere di tutto, c’è una forte tensione sociale”.

SCANNAVINO: 60% FONDO PER FORESTA NON ARRIVA A ONG

“Il fondo amazzonico statale, dal valore di un miliardo di dollari, non arriva alle Ong: il 60% si ‘ferma’ agli organi statali”. Richiamare l’attenzione anche su questo dato l’attivista sudamericano Caetano Scannavino, fondatore della ong brasiliana Saude e Alegria che da Roma lancia l’allarme e si dice “completamente in disaccordo” con la scelta del Governo brasiliano di rifiutare gli aiuti europei per salvaguardare il ‘polmone verde’. Per Scannavino è tutto parte di un piano per indebolire i ‘difensori’ della foresta e assecondare coltivatori e cittadini favorevoli al taglio: “Bolsonaro promuove una cultura dell’illegalità, all’origine degli attacchi agli indios e criminalizza le ong, per impedirgli di operare”.

Ma l’attivista non perde le speranze e assicura che continuerà sulla sua strada: “Dobbiamo essere ottimisti con tutta questa attenzione possiamo fare qualcosa di davvero concreto”. E alla domanda se in futuro, quando si abbasseranno i riflettori, la situazione possa diventare ancora più difficile conclude così: “Non mi illudo, a un certo punto l’attenzione calerà, ma l’Amazzonia è un bene mondiale, non verremo dimenticati”.

di Luca Gasperoni

(Le immagini sono tratte dal sito della Ong Saúde e Alegria)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

17 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»