Zerocalcare e Ginzburg alla ‘Sapienza’. Il disegnatore: “Altaforte? Non prestarsi a operazioni politiche”

Nell'ateneo romano incontro 'Il fascismo non è un'opinione', organizzato dalla facoltà di Lettere e Filosofia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – L’esclusione della casa editrice Altaforte dalla prossima fiera della piccola e media editoria di Roma ha riacceso il dibattito all’interno del mondo culturale. Il rischio che l’attenzione si catalizzi soltanto sull’opportunità o meno di concedere uno stand a una casa editrice vicina a Casapound preoccupa editori, scrittori, e addetti ai lavori. Sono ancora fresche le polemiche scatenate dal libro-intervista di Chiara Giannini a Matteo Salvini, culminate con l’esclusione della casa editrice dall’ultimo Salone del Libro di Torino. Ci furono scrittori che dichiararono che in loro presenza non avrebbero partecipato, come Wu Ming, Carlo Ginzburg e Zerocalcare. Proprio questi ultimi due ieri hanno deciso di intervenire all’incontro ‘Il fascismo non è un’opinione’ organizzato alla Facoltà di Lettere e Filosofia della Sapienza di Roma.

LEGGI ANCHE: Torino, la casa editrice Altaforte esclusa dal Salone del libro

Se Ginzburg ha preferito non tornare a parlarne direttamente, concentrando il suo intervento sui rischi della propaganda, Zerocalcare è andato dritto al punto. “Non bisogna prestarsi a operazioni politiche di Casapound- ha spiegato- Mi colpiva nei giorni di Torino che la stessa organizzazione, mentre piangeva per chiedere uno stand, stesse minacciando una famiglia rom a Casal Bruciato perché destinataria regolare di un alloggio popolare. È inaccettabile andare a fare la pantomima sotto i riflettori, mentre fuori accadono questo tipo di bestialità. È chiaro che il loro fine è occupare più spazi civili possibili. La casa editrice Altaforte è nata per questo motivo. E purtroppo i media gli hanno dato l’attenzione che cercavano. Ma non bisogna rassegnarsi alla normalizzazione della loro presenza”.

LEGGI ANCHE: Casal Bruciato, 40 indagati per le minacce ai rom: 24 sono di Casapound e Forza nuova

Come fare a uscirne, dunque? “Io non ho la risposta. Credo che parlare di codice etico sia qualcosa di inutile, come è sbagliato dire che si vogliono censurare le idee o che si combatte il fascismo stando sul campo. Il punto, lo ripeto, è non prestarsi a operazioni politiche per portare avanti il loro discorso che si traduce in politica“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

17 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»