Elezioni, lista Persone libere: “Ammesse liste non in regola”

SAN MARINO - Lista delle persone libere pronta a dare battaglia contro la decisione della Commissione elettorale che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – Lista delle persone libere pronta a dare battaglia contro la decisione della Commissione elettorale che ammette due liste politiche ritenute non abbastanza “rosa” alla scadenza dei termini previsti per legge. La lista capitanata da Marco Severini annuncia infatti che domani verrà presentato il ricorso. “Precisamente- dicono i responsabili di Lpl- non era stato rispettato il rapporto di un terzo riservato alle quote rosa” e quindi “i requisiti previsti dalla legge qualificata n.1/2007 dell’11.05.2007”. E ancora: “Addirittura- prosegue Lpl- una lista aveva presentato 14 candidati totali a fronte di sole 4 donne candidate, poi accortasi dell’errore, aveva ritirato nel week end, quindi molto dopo il termine di presentazione dell’11 ottobre 2016, ben 2 candidati uomini”. Mentre la seconda lista sotto la lente “ne aveva presentati 13 a fronte di 4 candidate donne”.

“Siamo per la legalità- affermano da Lpl- in questo caso la legge dice ben altro e parla molto chiaro, ma la Commissione ha disposto diversamente, il Tribunale dirà se la legge è carta straccia o meno”. Un altro ricorso verrà infine presentato per la richiesta da parte della Commissione elettorale rivolta alla lista delle persone libere di cambiare il proprio simbolo, “perchè raffigurante la statua della libertà di Piazza della Liberta”. Lpl evidenzia l’assurdità di tale delibera: “Evidentemente- ironizza- della stessa ha il copyright Alleanza Popolare e del santo la Democrazia Cristiana e dello skyline del monte Repubblica Futura”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»