I cittadini indisciplinati di Alzano Lombardo finiscono su Facebook

Singolare iniziativa dell'amministrazione cittadina. La censura dei comportamenti (e la multa) diventa social
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Facebook gogna mediatica Alzano LombardoROMA – Facebook gogna mediatica. È questa la singolare iniziativa intrapresa dal comune di Alzano Lombardo, in provincia di Bergamo. Sulla pagina social del comune immagini e video dei cittadini indisciplinati, quelli che ignorano, secondo l’amministrazione cittadina, le regole del vivere civile.

Facebook gogna mediatica per i cittadini

Educare i cittadini alle regole del vivere civile. Questo lo scopo ultimo dell’iniziativa social del piccolo comune della bergamasca. Prima “vittima” una signora che butta un sacchetto di rifiuti di casa in un cestino pubblico presente sul marciapiedi. L’immagine del malfatto è ora su Facebook con tanto di indicazione della multa che l’indisciplinata cittadina dovrà pagare.

Facebook gogna mediatica i cittadini apprezzano

Dai commenti al post dell’amministrazione comunale pare che la gente apprezzi l’iniziativa. Anzi nella maggior parte dei commenti si incita il Comune a far di più. Tra le richieste avanzate dai cittadini un maggior controllo sui proprietari dei cani e sulla brutta abitudine di non raccogliere i “bisognini” lasciati sui marciapiedi. C’è anche chi si chiede se mettere un sacchetto di spazzatura in un cestino anziché in un bidone sia in realtà un reato. Unica voce dissonate quella di Daniel che candidamente scrive “cazzo regà ci controllano con i droni, è finita

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»