Sopralluogo Fi al Cto, Gasparri: “Piano della Regione è discutibile” /VIDEO

In visita con la delegazione anche i consiglieri regionali Antonello Aurigemma e Adriano Palozzi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Stamattina una delegazione di Forza Italia guidata dal senatore Maurizio Gasparri, insieme ai consiglieri regionali Antonello Aurigemma e Adriano Palozzi, ha effettuato un sopralluogo al Cto ‘Andrea Alesini’ della Garbatella, a Roma, per verificare lo stato del servizio della struttura. “Il piano della sanità messo a punto dalla Regione Lazio è molto discutibile e i nostri consiglieri l’hanno anche contestato: gli atti della Regione devono essere corretti. Dobbiamo farne un caso nazionale, perché Zingaretti gode a volte di un giudizio benevolo immeritato”, ha commentato Gasparri al termine della visita. “Noi riteniamo che la politica della Regione non debba impoverire il territorio di Roma e del suo hinterland, e le rassicurazioni che oggi ci sono state date dal personale della strutture devono essere tradotte in impegni chiari- ha concluso il senatore forzista- In più abbiamo constatato come si potrebbero incrementare delle attività di ricerca. Con una delegazione parlamentare e regionale di Forza Italia vogliamo fare un approfondimento con l’Inail per capire se si può investire di più nella ricerca nel rapporto tra Cto, Inail e università del territorio”.


AURIGEMMA: RASSICURAZIONI DA CTO, PRONTO INTERVENTO RIMARRÀ

“La visita di oggi fa parte di una serie di sopralluoghi che stiamo facendo nelle aziende ospedaliere del Lazio. Oggi siamo al Cto ‘Andrea Alesini’ perché da poco abbiamo approvato l’atto aziendale della nuova Asl: qui nascerà la più grande Asl d’Italia, con oltre 1 milione e 300mila pazienti che verranno assistiti e c’era una forte preoccupazione del territorio per il futuro del punto di primo intervento, che fa oltre 20mila accesi all’anno”. Lo ha detto il capogruppo di Forza Italia alla Regione Lazio, Antonello Aurigemma, al termine del sopralluogo al Cto della Garbatella, a Roma. “Abbiamo avuto ampie rassicurazioni che il presidio rimarrà in piedi per evitare che la chiusura vada a intasare i già caotici pronto soccorso del Sant’Eugenio e del San Giovanni- ha sottolineato Aurigemma– Le rassicurazioni che ci sono state fornite dalla direttrice sanitaria sono per il mantenimento del punto di primo intervento all’interno del servizio che veniva già effettuato precedentemente”.

di Mirko Gabriele Narducci, giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»