Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sudan, la Sant’Anna di Pisa tiene a Karthom un corso sulla prevenzione dei conflitti

L’Italia tiene il primo corso sulla gestione dei conflitti in Sudan, per portare un nuovo contributo alla pacificazione del paese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’Italia tiene il primo corso sulla gestione dei conflitti in Sudan, per portare un nuovo contributo alla pacificazione del paese.

Grazie alla Scuola superiore Sant’Anna di Pisa da domenica 16 ottobre, a Khartom, iniziano le lezioni del “Training Programme for Conflict Management”, promosso in collaborazione con il Peace Research Institute dell’Università di Khartoum, con il supporto del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale e dell’Ambasciata d’Italia a Khartoum.

Il corso è il primo del suo genere in un Paese difficile e pieno di sfide come il Sudan, e vede la partecipazione di 50 allievi impegnati per cinque giorni in aula, con l’obiettivo di far loro acquisire strumenti utili a comprendere tematiche che spaziano dai meccanismi internazionali e regionali da impiegarsi nella gestione dei conflitti, alle tecniche di mediazione e di negoziazione. Particolare attenzione è dedicata al ruolo dei media e del personale locale nel favorire il processo di pace, alla progettazione di campagne di comunicazione e di consapevolezza sociale e culturale, con particolare attenzione proprio al contesto sudanese. Oltre alle lezioni di Andrea de Guttry, ordinario di diritto pubblico internazionale alla Scuola Superiore Sant’Anna, è prevista la partecipazione di esperti sudanesi del Peace Research Institute e dell’Unione Africana. Per le tematiche legate alla sensibilità interculturale è stato coinvolto l’ambasciatore Fabrizio Lobasso, da anni impegnato nel favorire le relazioni tra Italia e Sudan. “Questo corso a Khartoum – sottolinea Andrea de Guttry – vuole formare professionisti in grado di operare nel settore complesso delle operazioni di pace e rappresenta un’opportunità importante per contribuire al complesso processo di pacificazione nel Paese”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»