Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Renzi: “Dal nostro Governo record di recupero dell’evasione fiscale”

Il presidente del Consiglio difende la scelta di abolire Equitalia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

renzi2ROMA – “Il nostro governo ha fatto il record italiano di lotta all’evasione su base annua”. Lo dice Matteo Renzi, intervistato da Radio 105.

“Dell’abolizione di Equitalia parlo dal 2010: d’ora in poi si pagano le cartelle, tutte, non gli interessi e i super interessi. Si crea un meccanismo di fiducia. A quelli che dicono che così si incrementa l’evasione- aggiunge Renzi- farei notare che nel 2015 abbiamo fatto 14,9 miliardi di euro di recupero dall’evasione. Nessuno ha fatto quanto noi, è un record”.

“BASTA AL FISCO VAMPIRO”

“Nel 2010 alla Stazione Leopolda c’era un giovane, Ernesto Ruffini, che spiegava cosa fare per cambiare il fisco. Lui parlava di fisco 2.0. Era la nostra proposta alla Leopolda di 6 anni fa. Ci stavano dentro la fatturazione elettronica, la dichiarazione precompilata, cose che abbiamo fatto, e il fisco amico anziché il fisco vessatorio”, dice Matteo Renzi. Oggi, prosegue, “quel giovane è diventato Amministratore delegato di Equitalia e oggi attraverso lui e i suoi collaboratori diciamo ‘Basta Equitalia’ mettendo un meccanismo per cui le tasse si pagano ancora, ma se uno si dimentica o è in difficoltà non deve avere un fisco vessatorio che gli applica dei super interessi. Io sono contro il fisco vampiro che cerca di fare cassa con le difficoltà di uno”. “Si pagano le cartelle, ma non si pagano i super interessi che ci sono stati fino a oggi. Se ti dimentichi di pagare una multa, non ti mando a casa l’ufficiale giudiziario, ma un sms per dirti che ti sei dimenticato. Non è necessario avere subito un procedimento giudiziario. Il nostro governo ha fatto più di tutti gli altri sul tema dell’evasione”, conclude.

LEGGI ANCHE

Approvata la legge di bilancio. Per le pensioni 7 mld e più soldi alla sanità

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»