Iss: “Vaccino trivalente? Nessuna connessione con autismo. Anzi”

In realtà è emerso che all'aumento delle dosi di vaccino si ha una diminuzione delle percentuali di bambini con autismo. Questa associazione- conclude- è quindi inversa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

aldina venerosi iss“Nel 2014 le evidenze scientifiche hanno mostrato che su 1.256.407 bambini l’associazione vaccini-autismo ha un rischio inferiore a 1 e, nel caso della trivalente, questo rischio si abbassa a 0.69“. Lo dice Aldina Venerosi, ricercatore dell’Istituto superiore di Sanità (Iss) al XVI convegno nazionale dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) in corso a Roma.

“Nel 2015 sono state poi identificate due differenti popolazioni di bambini- prosegue la studiosa- quelli piccoli dopo una dose di vaccino e quelli più grandi dopo due dosi. In realtà è emerso che all’aumento delle dosi di vaccino si ha una diminuzione delle percentuali di bambini con autismo. Questa associazione- conclude- è quindi inversa”.

di Rachele Bombace – giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»