A Bologna euro in ‘mostra’ e spiegati a alunni e prof per futuri adulti responsabili

La Banca d'Italia ha deciso di promuovere, nell'ambito dei programmi di educazione finanziaria con il ministero dell'Istruzione, le "giornate della banconota" (da ieri al 25 novembre) per insegnare ai più piccoli ad essere adulti responsabili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

euroBOLOGNA – Fra qualche tempo non si sentirà più solo parlare delle ‘vecchie lire’ ma anche dei ‘vecchi euro’. E, con le nuove banconote, alcune già entrate in circolazione, altre in uscita, bisogna tenersi aggiornati. Come? La Banca d’Italia ha deciso di promuovere, nell’ambito dei programmi di educazione finanziaria con il ministero dell’Istruzione, le “giornate della banconota” (da ieri al 25 novembre) per insegnare ai più piccoli ad essere adulti responsabili.

Insomma, i soldi non faranno la felicità però possono essere oggetto di una mostra: in occasione della presentazione della nuova banconota da 20 euro (in circolazione il 25 novembre), la Banca di Italia ha organizzato un ‘tour economico’. Nelle sale della sede in piazza Cavour, ci sarà una mostra che spiega agli studenti, insegnanti e a tutti i cittadini le caratteristiche delle banconote, come riconoscere le contraffazioni e le modalità di stampa degli euro. E come ultima tappa del tour, i partecipanti potranno vedere le “banconote immaginarie”, i bozzetti presentati nelle ultime due edizioni del premio scolastico “Inventiamo una banconota”, promosso dalla Banca d’Italia e dal ministero dell’Istruzione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»